Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.709,56
    -254,37 (-0,98%)
     
  • Dow Jones

    34.584,88
    -166,44 (-0,48%)
     
  • Nasdaq

    15.043,97
    -137,96 (-0,91%)
     
  • Nikkei 225

    30.500,05
    +176,71 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    71,96
    -0,65 (-0,90%)
     
  • BTC-EUR

    40.507,71
    -1.134,93 (-2,73%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.193,48
    -32,05 (-2,62%)
     
  • Oro

    1.753,90
    -2,80 (-0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1732
    -0,0040 (-0,34%)
     
  • S&P 500

    4.432,99
    -40,76 (-0,91%)
     
  • HANG SENG

    24.920,76
    +252,91 (+1,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.130,84
    -39,03 (-0,94%)
     
  • EUR/GBP

    0,8535
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,0927
    +0,0013 (+0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4966
    +0,0044 (+0,29%)
     

Sogin, parte seminario su Deposito nazionale rifiuti radioattivi

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 7 set. (askanews) - Si è tenuta questa mattina la sessione plenaria di apertura del Seminario nazionale che ha l'obiettivo di approfondire, con tutti i soggetti interessati, gli aspetti tecnici legati al progetto del Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi e Parco tecnologico, a seguito della pubblicazione della Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee (CNAPI), avvenuta il 5 gennaio scorso.

L'incontro di oggi è stato aperto da Vannia Gava, sottosegretario al Ministero della Transizione Ecologica e da Emanuele Fontani, Amministratore Delegato di Sogin. Hanno partecipato ai lavori, moderati da Iolanda Romano, esperta di processi partecipativi e dibattito pubblico e Fondatrice di Avventura Urbana, i seguenti relatori: Maurizio Pernice, Direttore di ISIN, Ispettorato nazionale per la sicurezza nucleare e la radioprotezione; Christophe Xerri, Direttore Ciclo del combustibile, tecnologie applicate ai rifiuti, decommissioning e reattori di ricerca del Dipartimento di energia nucleare di IAEA, International Atomic Energy Agency; Massimo Garribba, Vice Direttore Generale Energia della Commissione Europea; Roberto Zanino, Professore di Impianti nucleari al Politecnico di Torino; Patrice Torres, Direttore del Deposito nazionale francese de l'Aube; Philippe Dallemagne, Vice Presidente del Dipartimento de l'Aube e Sindaco di Soulaines-Dhuys, comune dell'area che ospita il Deposito nazionale francese de l'Aube; Alessandro Dodaro, Direttore Dipartimento fusione e tecnologie per la sicurezza nucleare di ENEA; Fabio Chiaravalli, Direttore Funzione Deposito Nazionale e Parco Tecnologico di Sogin.

La plenaria di questa mattina si è conclusa dando risposta in diretta a 14 domande raccolte sull'argomento nel corso dell'incontro. Tale modalità di interlocuzione verrà replicata anche nelle prossime sessioni di lavoro.

"Il processo di localizzazione del Deposito Nazionale - ha affermato Vannia Gava - deve svolgersi nella massima trasparenza e completezza informativa verso i cittadini, spiegando in modo chiaro i motivi per cui l'Italia, come altri Paesi interessati dalle medesime problematiche, debba farsi carico di una gestione in sicurezza dei propri rifiuti radioattivi. Pertanto, - ha concluso - la localizzazione del Deposito Nazionale scaturirà solo a valle di una procedura ampiamente partecipativa, che comprende la valutazione concertata di ogni elemento radiologico, territoriale e ambientale utile a selezionare il sito in modo ottimale".

"Questo percorso - ha aggiunto Emanuele Fontani - si colloca all'interno della prima consultazione pubblica in Italia su un'infrastruttura di rilevanza nazionale, che consentirà al Paese di chiudere il ciclo del nucleare italiano e di ottimizzare in modo sostenibile e sicuro la gestione dei rifiuti radioattivi, fra i quali quelli prodotti ogni giorno nella medicina nucleare, nell'industria e nella ricerca scientifica".

"Oggi ha inizio un essenziale momento di trasparenza e confronto - ha dichiarato Maurizio Pernice, direttore dell'Ispettorato nazionale per la sicurezza nucleare e la radioprotezione - che vedrà l'Isin impegnato a garantire la rigorosa e corretta applicazione delle normative nazionali e internazionali affinché gli interessi generali siano conseguiti nel pieno rispetto dei diritti dei territori".

"All'inizio l'85% della comunità era contraria al Deposito" - ha dichiarato Philippe Dallemagne, Vice Presidente del Dipartimento de l'Aube e Sindaco di Soulaines-Dhuys -. Temevamo rischi per la salute e danni all'economia. Il confronto e l'esperienza hanno fugato tutte le nostre paure. Il deposito nazionale è accolto dalla popolazione come il modo più sicuro per gestire i rifiuti radioattivi di un paese e un volano per lo sviluppo del territorio che lo accoglie".

Il Seminario nazionale si articolerà in nove incontri, trasmessi in diretta streaming sul sito seminariodepositonazionale.it. Oltre alle sedute plenarie di apertura e chiusura sono programmate sette sessioni di lavoro, una nazionale e sei territoriali, che interesseranno le aree potenzialmente idonee presenti nelle regioni coinvolte: Piemonte, Toscana, Lazio, Puglia e Basilicata, Sicilia, Sardegna.

Il Seminario Nazionale si concluderà il 15 dicembre, con la pubblicazione del resoconto complessivo dei lavori che termineranno il 24 novembre.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli