Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.611,97
    +476,98 (+1,64%)
     
  • Nasdaq

    11.007,27
    +177,77 (+1,64%)
     
  • Nikkei 225

    26.173,98
    -397,89 (-1,50%)
     
  • EUR/USD

    0,9737
    +0,0139 (+1,45%)
     
  • BTC-EUR

    19.984,82
    +355,57 (+1,81%)
     
  • CMC Crypto 200

    442,77
    +13,99 (+3,26%)
     
  • HANG SENG

    17.250,88
    -609,43 (-3,41%)
     
  • S&P 500

    3.708,34
    +61,05 (+1,67%)
     

Solare, Otovo: Puglia batte Parigi con 2.894 GWh/anno di produzione

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 30 ago. (askanews) - Nel corso dell'ultimo anno, la Puglia ha continuato la propria crescita nell'utilizzo del fotovoltaico collocandosi tra le prime regioni produttrici di energia fotovoltaica in Italia, con 42.782 impianti residenziali installati (il 4,52% degli immobili) che producono un totale di 2.894 GWh di energia all'anno (dati Otovo 2022). Otovo, fondata a Oslo nel 2016, è attualmente presente in Norvegia, Polonia, Svezia, Francia, Spagna, Italia e Germania e marketplace europeo dedicato alla vendita di pannelli fotovoltaici in ambito residenziale, presenta dunque un quadro completo per capire il fenomeno della produzione energetica pugliese, particolarmente florida grazie anche alle condizioni climatiche della regione.

Un sistema fotovoltaico in Puglia può infatti produrre tra i 1.400 e i 1.500 kWh all'anno: numeri che sono tra i più alti delle regioni italiane ma anche di una città europee come Parigi (che produce in media ogni anno 1.100 kWh).

Il prezzo totale di un impianto fotovoltaico dipende principalmente dalla qualità delle componenti utilizzate, dalla tecnologia dei materiali, dalla potenza dei pannelli solari e dalla tipologia di installazione. In Puglia il prezzo di un impianto fotovoltaico da 3kW si aggira intorno ai 3.600€, mentre per un impianto da 6 kW si arrivano a spendere circa 5.200€. Tuttavia, grazie alle nuove tecnologie utilizzate e alla maggiore efficienza dei pannelli, passare al fotovoltaico rappresenta sempre di più una scelta vantaggiosa. Il costo per l'acquisto e l'installazione di un impianto fotovoltaico in Puglia infatti continua a diminuire, considerando anche un tempo di rientro dell'investimento entro 4-5 anni, con un rendimento annuale del 20-25%. La regione ha pubblicato inoltre un bando per l'accesso a un fondo perduto con la formula del reddito energetico, stanziando 6,8 milioni di euro.

"La produzione di energia rinnovabile ottenuta da impianti fotovoltaici continua a seguire un trend positivo in Puglia. A Bari, il capoluogo di Regione, la produzione di energia annua è di 1.480,95 kWh ed è possibile richiedere incentivi statali, come il Bonus Ristrutturazioni - ha spiegato Fabio Stefanini, General Manager di Otovo Italia - I nostri prezzi includono già lo sconto del 50% per il Bonus Ristrutturazioni che Otovo applica direttamente in fattura".

I benefici derivanti dall'installazione di un impianto fotovoltaico in Puglia riguardano in primis il raggiungimento dell'indipendenza energetica, consumando la stessa energia che si produce nella propria abitazione grazie ai pannelli fotovoltaici. Inoltre, integrando sistemi di accumulo, è possibile immagazzinare l'energia prodotta e utilizzarla in un secondo momento, ad esempio nei mesi invernali, dove l'esposizione al sole è ridotta. C'è poi la possibilità di utilizzare lo scambio sul posto che consente l'immissione in rete dell'energia prodotta da poter prelevare in un secondo momento. Infine, essendo la Puglia una delle prime regioni per produzione di energia fotovoltaica, uno dei vantaggi è rappresentato dalla liquidazione delle eccedenze che avviene quando il valore dell'energia prodotta nella rete è maggiore di quello dell'energia prelevata: in questo caso il GSE pagherà l'energia in eccesso.

Che la Puglia fosse una regione con un grande potenziale produttivo di energia fotovoltaica lo dimostra anche la presenza del parco fotovoltaico più grande d'Italia, situato in provincia di Foggia. L'area, che si estende su un milione e mezzo di metri quadrati, ospita 275 mila moduli che gli permettono di avere una capacità produttiva di 150 GWh di elettricità all'anno. Le condizioni climatiche ma anche l'impiego di tecnologie avanzate, collocano il parco al 17° posto per capacità a livello mondiale.