Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,16 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,68 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,28
    +2,45 (+3,84%)
     
  • BTC-EUR

    41.336,59
    +181,60 (+0,44%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,93
    +39,75 (+4,21%)
     
  • Oro

    1.698,20
    -2,50 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1916
    -0,0063 (-0,52%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,51 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8612
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,1085
    -0,0036 (-0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,5068
    -0,0094 (-0,62%)
     

I soldi degli italiani fermi sui conti bancari aumentano ancora: toccati i 1.744 miliardi

Stefania Scordio
·2 minuto per la lettura
I soldi degli italiani fermi sui conti bancari aumentano ancora: toccati i 1.744 miliardi
I soldi degli italiani fermi sui conti bancari aumentano ancora: toccati i 1.744 miliardi

Lo rileva il rapporto dell’Abi che stima un aumento di 181 miliardi rispetto a gennaio 2020. Il dato tiene conto di tutti gli strumenti liquidi. Diminuisce la variazione annua delle obbligazioni

In tempi di crisi gli italiani continuano a risparmiare ed accumulare liquidità nei conti bancari. Da un lato pesa l’incertezza economica legata alla pandemia, dall’altro le misure restrittive che riducono anche le spese delle famiglie.

I DATI

Secondo Abi nel gennaio 2021 l’incremento, rispetto allo stesso mese dell’anno precendente, è pari all’11,6%. Un incremento assoluto di 181 miliardi portando l'ammontare totale dei depositi a 1.744 miliardi. I dati si riferiscono alla somma degli strumenti liquidi: depositi in conto corrente, depositi con durata prestabilita al netto di quelli connessi con operazioni di cessioni di crediti, depositi rimborsabili con preavviso e pronti contro termine al netto delle operazioni con controparti centrali. La variazione annua delle obbligazioni è diminuita del 9,5%, a fronte del -8,3% del mese precedente, per un ammontare di 215 miliardi. "Avere delle risorse finanziarie a disposizione - spiega il vice dg dell'Abi Gianfranco Torriero alla domanda su come veicolare tali risorse - è un elemento importante ma certamente si devono creare delle condizioni per avere dei finanziamenti finalizzati agli investimenti che saranno quelli a fare crescere la dinamica degli impieghi".

IMPIEGHI E PRESTITI

Rallentano anche gli impieghi a imprese e famiglie a gennaio ad un tasso annuo del 4,5% dal +5,5% di dicembre. I prestiti a imprese e famiglie ammontano a fine gennaio (stock) a 1.303 miliardi, quelli al settore privato a 1.448 miliardi (+4,3% annuo). Secondo i dati ufficiali di Banca d'Italia, a dicembre 2020 la dinamica dei prestiti alle imprese non finanziarie è risultata pari a +8,5% (+8,1% nel mese precedente). Il totale dei prestiti alle famiglie è cresciuto del +2,2% (+2,3% nel mese precedente). La dinamica dei finanziamenti alle famiglie è risultata in aumento rispetto al mese precedente per la componente dei mutui per l'acquisto di abitazioni (+2,3% la variazione annua; +2,1% nel mese precedente), e in diminuzione per quella del credito al consumo (-1,1%).