Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    33.764,15
    +50,21 (+0,15%)
     
  • Dow Jones

    37.983,24
    -475,84 (-1,24%)
     
  • Nasdaq

    16.175,09
    -267,10 (-1,62%)
     
  • Nikkei 225

    39.523,55
    +80,92 (+0,21%)
     
  • Petrolio

    85,45
    +0,43 (+0,51%)
     
  • Bitcoin EUR

    60.303,70
    -2.891,89 (-4,58%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.360,20
    -12,50 (-0,53%)
     
  • EUR/USD

    1,0646
    -0,0085 (-0,79%)
     
  • S&P 500

    5.123,41
    -75,65 (-1,46%)
     
  • HANG SENG

    16.721,69
    -373,34 (-2,18%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.955,01
    -11,67 (-0,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8547
    +0,0004 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    0,9728
    -0,0027 (-0,28%)
     
  • EUR/CAD

    1,4653
    -0,0029 (-0,19%)
     

Sondaggio - Curva tassi invertita non più segnale affidabile recessione per strategist

Trader al Nyse a New York

BANGALORE (Reuters) - La curva dei rendimenti invertita, un indicatore chiave di recessione imminente fornito dal mercato obbligazionario statunitense, non è più un segnale affidabile secondo quasi due terzi degli strategist intervistati da Reuters.

Il persistente spread negativo tra i rendimenti dei Treasury statunitensi a 2 anni e a 10 anni è un elemento chiave nei modelli di molti analisti come indicatore di recessione affidabile, essendosi presentato prima di quasi tutte le recessioni dal 1955. In tutto questo periodo si è dimostrato un falso segnale solo una volta.

La curva dei rendimenti è invertita da oltre 20 mesi, attualmente di 46 punti base, ma la maggior parte delle discussioni recenti sui mercati riguarda la probabilità che non si verifichi una recessione o addirittura il rischio di una nuova accelerazione della crescita economica.

Quasi due terzi degli strategist intervistati da Reuters dal 6 al 12 marzo, 22 su 34, hanno detto che il potere predittivo della curva dei rendimenti non è più quello di una volta.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

"Ritengo che l'inversione della curva dei rendimenti non sia più un buon indicatore come in passato", ha detto Zhiwei Ren, gestore di portafoglio presso Penn Mutual Asset Management.

Dalla crisi finanziaria globale del 2007-2008, la Federal Reserve ha effettuato in più occasioni acquisti aggressivi di Treasury nell'ambito del proprio programma di stimolo, il che significa che possiede una quota di mercato molto più ampia nel proprio portafoglio rispetto al passato.

Molti osservatori hanno sostenuto negli ultimi anni che questo sta distorcendo il pricing del mercato, anche se gli strategist intervistati per discutere i risultati dell'ultimo sondaggio non hanno menzionato come motivo la compressione dei rendimenti attraverso il "quantitative easing".

"Il problema questa volta è che il tasso di policy è più che doppio rispetto all'equilibrio di lungo periodo del Fed fund rate, e sono l'entità e la velocità dei rialzi dei tassi ad aver contribuito all'inversione", ha detto Steve Major, responsabile globale della ricerca sul reddito fisso di Hsbc.

Nel frattempo, quest'anno i mercati finanziari hanno ridimensionato in modo aggressivo le scommesse su quando la Fed taglierà per la prima volta i tassi di interesse, passando da marzo a maggio e ora a giugno.

Questo ha portato diversi strategist ad aumentare le previsioni a 12 mesi per il rendimento del Treasury a 2 anni, sensibile ai tassi,, di una mediana di 21 punti base in più rispetto a un mese fa, al 3,68%.

Anche il rendimento del Treasury decennale di riferimento, attualmente al 4,10%, secondo i 60 strategist intervistati dovrebbe scendere solo di 19 punti base al 3,91% entro la fine di agosto e al 3,75% tra un anno.

Per "disinvertire" la curva è necessario che i rendimenti a breve termine scendano molto più bruscamente di quelli a lungo termine, o che questi aumentino.

Oltre a decidere quando tagliare, la Fed dovrà presto valutare quando rallentare e alla fine smettere di scaricare alcuni dei titoli acquistati con il proprio ampio programma di "quantitative tightening".

Alla domanda su quando la Fed inizierà a rallentare, o a diminuire, il ritmo di riduzione del proprio bilancio, 14 dei 26 intervistati hanno risposto a giugno. Altri hanno detto da marzo a dicembre.

Diciassette su 26 hanno affermato che la Fed concluderà il proprio programma di riduzione nel primo trimestre del 2025 o più tardi.

(Tradotto da Laura Contemori, editing Antonella Cinelli)