Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.363,02
    -153,44 (-0,60%)
     
  • Dow Jones

    34.935,47
    -149,06 (-0,42%)
     
  • Nasdaq

    14.672,68
    -105,59 (-0,71%)
     
  • Nikkei 225

    27.283,59
    -498,83 (-1,80%)
     
  • Petrolio

    73,81
    +0,19 (+0,26%)
     
  • BTC-EUR

    34.988,11
    +1.835,33 (+5,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    955,03
    +5,13 (+0,54%)
     
  • Oro

    1.812,50
    -18,70 (-1,02%)
     
  • EUR/USD

    1,1872
    -0,0024 (-0,20%)
     
  • S&P 500

    4.395,26
    -23,89 (-0,54%)
     
  • HANG SENG

    25.961,03
    -354,29 (-1,35%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.089,30
    -27,47 (-0,67%)
     
  • EUR/GBP

    0,8534
    +0,0018 (+0,21%)
     
  • EUR/CHF

    1,0739
    -0,0026 (-0,25%)
     
  • EUR/CAD

    1,4790
    +0,0001 (+0,00%)
     

Sondaggio J.P. Morgan: per un terzo degli investitori i Bitcoin sono "veleno per topi"

·2 minuto per la lettura
Sondaggio J.P. Morgan: per un terzo degli investitori i Bitcoin sono
Sondaggio J.P. Morgan: per un terzo degli investitori i Bitcoin sono

Una recente survey vede gli investitori d'accordo con Buffett sui Bitcoin, ma per il 51% le cripto "sono qui per restare". A patto di accettare nuove regole

Mentre il Bitcoin prova a rialzare la testa dopo essere sceso per la prima volta sotto i 30mila dollari da gennaio, per la regina delle criptovalute arriva un'altra bocciatura. Questa volta da un sondaggio condotto da J.P. Morgan lo scorso 11 giugno, in occasione della 24esima edizione della Macro, Quantitative & Derivatives Conference.

D'ACCORDO CON BUFFETT

Il 33% degli investitori professionali intervistati ha definito il Bitcoin "veleno per topi", dicendosi d'accordo con una frase pronunciata da Warren Buffett all'inizio del 2021. L'Oracolo di Omaha, come viene soprannominato Buffett, aveva bollato il Bitcoin e le criptovalute "veleno per topi al quadrato". Scettico anche un altro 16% degli intervistati, che ha definito le criptovalute "una moda passeggera".

POSIZIONI POLARIZZATE

Tuttavia, il sondaggio condotto da J.P Morgan testimonia la polarizzazione delle posizioni sul Bitcoin e sulle criptovalute in generale. Il 51% degli intervistati, infatti, ha dichiarato che le cripto "sono qui per restare" e che possono diventare un'importante asset class per il futuro. Nonostante questa buona predisposizione per i prossimi anni, la strada per le criptovalute è ancora lunga.

AZIENDE SCETTICHE

Sempre dal sondaggio, risulta infatti che solo il 10% delle aziende intervistate attualmente commercia o investe in criptovalute. L'80% di quelle che non lo fanno hanno inoltre dichiarato che "è poco probabile" che inizino a farlo nei prossimi anni. Una percentuale simile (81%) ritiene che le criptovalute dovranno fare i conti con normative più severe e il 95% ha affermato che, nel mondo delle cripto, le frodi sono frequenti. Infine, il 62% degli intervistati ritiene che le criptovalute siano una bolla, affermazione che fa il paio con la recente survey pubblicata da Bank of America: in questo caso, l'81% dei gestori intervistati ha dichiarato che il Bitcoin è in area bolla finanziaria.

LA STRETTA CINESE

In queste settimane le criptovalute, incluso il Bitcoin, stanno vivendo momenti complicati. La principale cripto, nel momento in cui scriviamo, ha riguadagnato quota 34mila dollari dopo aver toccato il minimo da gennaio, sotto la soglia dei 30mila. La stretta arrivata dalle autorità cinesi, con l'ordine alle banche di fermare le transazioni, sta penalizzando le criptovalute. Il Dogecoin, per esempio, è passato in pochi giorni da 0,28 dollari a 0,16 dollari (ora è a 0,21 dollari) con una perdita secca di quasi il 50%.

ALTRE NEWS DI FINANCIALOUNGE.COM:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli