Italia markets open in 6 hours 39 minutes
  • Dow Jones

    35.258,61
    -36,15 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    15.021,81
    +124,47 (+0,84%)
     
  • Nikkei 225

    29.143,21
    +117,75 (+0,41%)
     
  • EUR/USD

    1,1624
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • BTC-EUR

    53.507,73
    +197,58 (+0,37%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.446,06
    -5,57 (-0,38%)
     
  • HANG SENG

    25.409,75
    +78,75 (+0,31%)
     
  • S&P 500

    4.486,46
    +15,09 (+0,34%)
     

sostenibilità, raee: sconosciuti per un italiano su 2

·5 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 14 ott. (askanews) - Un italiano su due ancora non conosce il significato della parola RAEE - Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche - e il gap aumenta quando si parla di piccoli elettrodomestici come stampanti, monitor, microonde, tostapane ecc. È quanto emerge dalla ricerca "RAEE, Economia Circolare e Cambiamento Climatico. Una ricognizione dei livelli di conoscenza dei cittadini, delle loro opinioni e comportamenti" realizzata a settembre 2021 da Ipsos per conto di Erion su un campione di 1000 cittadini italiani (dai 18 ai 75 anni) attraverso la metodologia CAWI, Computer Assisted Web Interview.

Il 40% degli intervistati dichiara di averne almeno 1-2 in casa da smaltire e il 18% tra i 3 e i 5. Nonostante ciò, l'81% sa come smaltirli correttamente in ricicleria o isola ecologica, il 77% conosce il luogo dove si trova l'isola ecologica più vicina e un 72% utilizza regolarmente il centro di raccolta della propria zona. Solo un 4% dichiara di buttarli nell'indifferenziata e l'1% insieme alla plastica. Bassa, invece, la percezione della presenza di sostanze inquinanti in questa tipologia di rifiuti: un quinto degli italiani non sa dei rischi associati allo smaltimento errato e circa metà ne ha una conoscenza solo superficiale.

"Nelle case degli italiani è ancora alto il numero delle Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche non più utilizzate o non più funzionanti: il 67% degli intervistati dichiara di averne diverse chiuse nei cassetti o dimenticate nelle cantine. - afferma Giorgio Arienti, Direttore di Erion WEEE - "È evidente che c'è ancora un lavoro di sensibilizzazione e di comunicazione da fare se vogliamo raggiungere il target fissato dall'Europa, ovvero una raccolta annuale di circa 10 kg/abitante (oggi siamo a poco più di 6 kg). Se da un lato molti cittadini sanno di potersi avvalere delle isole ecologiche, dall'altro non si è ancora diffusa l'abitudine di consegnare il piccolo elettrodomestico da buttare (rasoi, cellulari, sigarette elettroniche, sveglie, ecc.) al negoziante."

Ancora poco diffusi il "Ritiro 1 contro 1" e il "Ritiro 1 contro 0":

Due terzi degli intervistati sa che acquistando un nuovo elettrodomestico, è possibile richiedere il ritiro gratuito dell'apparecchiatura equivalente di cui ci si vuole disfare, tramite il cosiddetto "Ritiro 1 contro 1", ma solo il 36% se ne avvale. Meno noto (usato solo dal 18%) invece è il "Ritiro 1 contro 0", ovvero la possibilità da parte del cittadino di conferire gratuitamente, anche senza l'obbligo di acquisto di un nuovo prodotto, i RAEE più piccoli (fino a 25 cm di dimensione

massima) presso i punti vendita più grandi (con superfici dedicate alla vendita di apparecchiature elettriche ed elettroniche superiori a 400 mq). Il 55% infatti non ne ha mai sentito parlare. Tra le difficoltà riscontrate nel conferimento dei propri rifiuti, si segnalano i costi di trasporto, la distanza dell'abitazione, il rifiuto del ritiro da parte del negoziante e la richiesta di pagamento del servizio. Un dato preoccupante quest'ultimo visto che - per normativa - il conferimento è sempre gratuito.

Cittadini virtuosi ma poco consapevoli:

Gli intervistati dichiarano di voler vivere in un mondo più sostenibile, ma il 66% rivela di non sapere come farlo: di fatto però moltissimi italiani effettuano una corretta raccolta differenziata, separando plastica (91%), carta (90%), vetro (89%), lattine di alluminio (87%), organico (87%), pile (70%), farmaci (66%) e anche gli stessi RAEE (58%). Non solo: dalla ricerca risulta che gli italiani sono piuttosto inclini ad assumere comportamenti virtuosi come riparare un oggetto invece di comprarne uno nuovo (53%), evitare di acquistare prodotti usa e getta (45%), scegliere prodotti con poco packaging (44%) e acquistare prodotti a km zero (40%). Meno inclini a usare servizi di sharing in ambito mobilità (solo il 13%), dato probabilmente influenzato dal periodo pandemico, e a noleggiare beni durevoli invece di acquistarli (solo il 12%).

Analizzando i risultati emerge una popolazione pronta alla transizione ecologica, anche se il 60% non conosce perfettamente il significato di Economia Circolare: il 50% lo ritiene addirittura un concetto complicato e difficile da comprendere per le persone comuni, oltre che un processo costoso che mette a rischio molti posti di lavoro. Stessa situazione per la neutralità climatica, conosciuta solo nel 20% dei casi.

"Economia circolare, riuso e recupero di oggetti e di materiali si fanno strada nel patrimonio informativo degli italiani, ma non hanno ancora messo radici quanto a pratiche e abitudini; l'adesione è ancora più ideale che pratica, anche perché si tratta di temi complessi e ancor più difficile da trasformare in buone pratiche" dichiara Chiara Ferrari, IPSOS Public Affairs Service Line Leader. "Il tema dei RAEE ha acquisito notorietà nel tempo, ma la conoscenza e l'informazione approfondita non hanno ancora raggiunto livelli soddisfacenti: le pratiche di smaltimento e le opportunità offerte dalla regolamentazione non hanno ancora raggiunto la maggioranza dei cittadini, che devono essere informati e facilitati nell'applicazione dei comportamenti corretti, a beneficio del futuro del pianeta"

I cambiamenti climatici sono un'emergenza:

Nonostante gli impegni che saranno presentati in occasione del prossimo vertice sul clima delle Nazioni Unite Cop26 di Glasgow, il 56% afferma che le autorità italiane e internazionali non stanno facendo abbastanza per contrastare i cambiamenti climatici, vissuti come un'emergenza da affrontare subito per il 76% degli intervistati. Solo il 24% dichiara che questo fenomeno non esista e che ci siano altre priorità da affrontare prima.

A fronte di un elevato livello di preoccupazione (per il 92% degli intervistati), gli stessi confermano che sono le attività umane la principale causa dei cambiamenti climatici (86%). Affiora fortemente anche la consapevolezza che le nostre abitudini di consumo non siano più sostenibili (per l'86%) e che il riscaldamento globale avrà un grosso impatto sulla vita delle persone (82%).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli