Italia markets open in 8 hours
  • Dow Jones

    28.308,79
    +113,37 (+0,40%)
     
  • Nasdaq

    11.516,49
    +37,61 (+0,33%)
     
  • Nikkei 225

    23.567,04
    -104,09 (-0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,1833
    +0,0060 (+0,51%)
     
  • BTC-EUR

    10.092,68
    +697,21 (+7,42%)
     
  • CMC Crypto 200

    239,54
    +0,62 (+0,26%)
     
  • HANG SENG

    24.569,54
    +27,28 (+0,11%)
     
  • S&P 500

    3.443,12
    +16,20 (+0,47%)
     

SP rivede in meglio stime su Italia, Pil 2020 -8,9%, 2021 +6,4%

Voz
·1 minuto per la lettura

Roma, 24 set. (askanews) - S&p ha rivisto in meglio le previsioni sull'economia dell'Italia, ora la caduta di Pil stimata quest'anno è dell'8,9%, a fronte de meno 9,5% indicato nelle precedenti previsioni. E a differenza di quanto effettuato da altre istituzioni, ha rivisto al rialzo anche la portata del rimbalzo atteso sul 2021, al più 6,4% dal più 5,3% precedentemente indicato. Sull'insieme dell'area euro S&P stima un meno 7,4% del Pil 2020 cui dovrebbe seguire un più 6,1% nel 2021. "Anche se adesso siamo meno pessimistici sulle prospettive - spiegano gli analisti dell'agenzia in un rapporto aggiornato - sul breve termine continuano a prevalere rischia al ribasso sull'area euro". Da segnalare un tabella pubblicata nello studio - intitolato "L'economia dell'eurozona si sta riprendendo dal Covid" - che evidenzia come l'Italia sia di gran lunga il maggior beneficiario delle varie misure messe in campo dall'Ue contro la pandemia (in cui computano anche il Mes, non è chiaro se ipotizzando che vi faccia ricorso) con un 30% del totale.