Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.419,08
    -81,60 (-0,26%)
     
  • Nasdaq

    11.524,38
    -83,24 (-0,72%)
     
  • Nikkei 225

    26.871,27
    +379,30 (+1,43%)
     
  • EUR/USD

    1,0588
    +0,0029 (+0,28%)
     
  • BTC-EUR

    19.623,62
    -581,43 (-2,88%)
     
  • CMC Crypto 200

    452,62
    -9,18 (-1,99%)
     
  • HANG SENG

    22.229,52
    +510,46 (+2,35%)
     
  • S&P 500

    3.899,53
    -12,21 (-0,31%)
     

Sparatoria Texas, figlia maestra uccisa: "Mia madre è un'eroina"

(Adnkronos) - "Mamma sei un'eroina. Continuo a ripetermi che non è vero, voglio solo risentire la tua voce". E' quanto ha scritto sui social la figlia di Eva Mireles, una delle due maestre uccise insieme ai 19 bambini di 10 anni nella strage della scuola elementare del Texas. "Voglio che torni a casa da me, mamma, mi manchi in un modo che le parole non possono esprimere", ha aggiunto Adalynn.

"Non so come farò a vivere senza di te ma mi prenderò cura di papà - ha detto ancora - ripeterò sempre il tuo nome così che verrà sempre ricordato: Eva Mireles, insegnante di quarta alla Robb Elementary che senza pensare a se stessa si è messa di fronte ai suoi alunni per salvare la loro vita".

Mireles insegnava da 17 anni e sul profilo pubblicato sul sito del distretto scolastico di Uvalde specificava che nel tempo libero amava correre, fare passeggiate, andare in bicicletta e godersi la famiglia.

E' stata la zia di Mireles, Lydia Martinez Delgado, la prima confermare l'identità della vittima: "non avrei mai immaginato che questo sarebbe potuto succedere ad un familiare", ha dichiarato alla Cnn, dicendosi "furiosa per il fatto che le sparatorie continuano, questi bambini innocenti, non fucili non dovrebbero essere così facilmente disponibili, in una comunità come la nostra con meno di 20mila abitanti".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli