Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.119,20
    +504,20 (+2,33%)
     
  • Dow Jones

    31.500,68
    +823,32 (+2,68%)
     
  • Nasdaq

    11.607,62
    +375,43 (+3,34%)
     
  • Nikkei 225

    26.491,97
    +320,72 (+1,23%)
     
  • Petrolio

    107,06
    +2,79 (+2,68%)
     
  • BTC-EUR

    20.132,55
    +4,69 (+0,02%)
     
  • CMC Crypto 200

    462,12
    +8,22 (+1,81%)
     
  • Oro

    1.828,10
    -1,70 (-0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,0559
    +0,0034 (+0,33%)
     
  • S&P 500

    3.911,74
    +116,01 (+3,06%)
     
  • HANG SENG

    21.719,06
    +445,19 (+2,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.533,17
    +96,88 (+2,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8603
    +0,0025 (+0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,0099
    -0,0012 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,3603
    -0,0071 (-0,52%)
     

Sparatoria Texas, vittime erano tutte della stessa classe

(Adnkronos) - Tutte le vittime della strage della paratoria elementare di Uvalde, in Texas, erano della stessa classe. Salvador Rolando Ramos, il 18enne autore della strage, infatti si è barricato nell'aula dove ha ucciso 19 bambini di 10 anni e due insegnanti. Lo ha dichiarato alla Cnn Chris Olivarez, portavoce del dipartimento di Pubblica Sicurezza del Texas.

"Questo mostra la completa malvagità dell'assalitore", ha aggiunto, spiegando che mentre Ramos sparava all'interno dell'aula, gli agenti entrati nell'edificio hanno messo in salvo i bambini e gli insegnanti nascosti nelle altre aule. Poi hanno cercato di entrare con la forza nell'aula dove era barricato Ramos, successivamente rimasto ucciso in un conflitto a fuoco.

"E' un'aula piccola, ci potevano essere dai 25 ai 30 studenti, oltre ai due insegnanti, non so con esattezza quanti fossero i ragazzi nell'aula", ha aggiunto, spiegando oltre ai 19 bambini uccisi, che sono stati tutti identificati, vi sono altri bambini che sono rimasti feriti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli