Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,30
    -0,92 (-1,13%)
     
  • BTC-EUR

    16.155,26
    -35,40 (-0,22%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.812,10
    -3,10 (-0,17%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9867
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4186
    +0,0060 (+0,43%)
     

Spazio, lanciatore cinese in rientro sorvola l'Italia: "Rischio impatto remoto"

(Adnkronos) - Tra le 8 e le 10 del mattino ora italiana, nell'ambito della finestra di tempo stimata per il rientro incontrollato in atmosfera del lanciatore cinese Prc-Cz5B, "sono previsti 4 sorvoli del territorio italiano generati da due orbite, che andranno ad interessare le regioni Sardegna, Lazio, Molise, Puglia, Calabria". A segnalarlo è il Dipartimento della Protezione Civile a valle del tavolo tecnico che monitora le operazioni a cui partecipa l'Agenzia Spaziale Italiana. "Non è quindi ancora completamente possibile escludere la remota possibilità che uno o più frammenti del satellite possano cadere sul nostro territorio" aggiunge il Dipartimento della Protezione Civile.

Il monitoraggio del rientro incontrollato in atmosfera del lanciatore cinese è partito stamani. Alla riunione, hanno preso parte, oltre all’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), un membro dell’ufficio del Consigliere militare della Presidenza del Consiglio, rappresentanti del ministero dell’Interno - Dipartimento dei Vigili del Fuoco, della Difesa - Covi e degli Esteri, Enac, Enav, Ispra e la Commissione di Protezione civile della Conferenza delle Regioni.

Il Dipartimento spiega che successivamente, nonostante la bassa possibilità che uno o più frammenti del lanciatore possano colpire il nostro Paese, il Capo del Dipartimento, Fabrizio Curcio, ha informato sull’evoluzione dello scenario atteso le componenti e le strutture operative del Servizio nazionale, nonché le Regioni interessate.