Italia markets close in 7 hours 53 minutes
  • FTSE MIB

    26.433,97
    -185,28 (-0,70%)
     
  • Dow Jones

    34.168,09
    -129,61 (-0,38%)
     
  • Nasdaq

    13.542,12
    +2,82 (+0,02%)
     
  • Nikkei 225

    26.170,30
    -841,03 (-3,11%)
     
  • Petrolio

    87,21
    -0,14 (-0,16%)
     
  • BTC-EUR

    32.189,08
    -1.614,97 (-4,78%)
     
  • CMC Crypto 200

    823,61
    -32,20 (-3,76%)
     
  • Oro

    1.810,50
    -19,20 (-1,05%)
     
  • EUR/USD

    1,1202
    -0,0043 (-0,38%)
     
  • S&P 500

    4.349,93
    -6,52 (-0,15%)
     
  • HANG SENG

    23.807,00
    -482,90 (-1,99%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.113,11
    -51,49 (-1,24%)
     
  • EUR/GBP

    0,8345
    -0,0002 (-0,03%)
     
  • EUR/CHF

    1,0378
    -0,0007 (-0,07%)
     
  • EUR/CAD

    1,4222
    -0,0011 (-0,08%)
     

Speedline, gruppo sospende stop sito Tabina, sì ricerca alternative

·2 minuto per la lettura

La multinazionale svizzera Speedline sospende la decisione di chiudere lo stabilimento di Tabina entro la fine del 2022 e rinvia ad un confronto con governo e sindacati la ricerca di soluzioni alternative. Si chiude così, con una insperata fumata bianca, il tavolo di crisi aperto oggi al Mise per fronteggiare la situazione dell'azienda di automotive che in Veneto occupa oltre 620 dipendenti e conta un vasto indotto che dà lavoro a circa 200 persone.

Una soluzione che per ora soddisfa sindacati e unità di crisi del dicastero di via Molise e che arriva il giorno stesso della presentazione da parte del governo alla manovra dell'emendamento anti delocalizzazioni. Nuove norme, a lungo attese e combattute, che dettano nuove regole per la gestione delle crisi industriali e dei licenziamenti oltre a sanzioni che raddoppiano il pagamento del contributo alla Naspi, nel caso le aziende si rifiutino di presentare un piano o di raggiungere un accordo per il salvataggio del sito.

La decisione della multinazionale di chiudere il sito di Tabina a Santa Maria di Sala in Provincia di Venezia sarebbe legato, come spiegano i sindacati, all'andamento negativo del mercato, in particolare nella fase della pandemia, e all'eccesso dell'offerta di ruote anche collegato alla concorrenza cinese. Nel 2021 , infatti, Speedline ha perso 23 milioni di euro. Ronal Group produce 15 milioni di ruote in tutto il Mondo e 800mila ruote nello stabilimento di Speedline. Soddisfatti dell'esito dell'incontro convocato dal Comitato di crisi del Mise, coordinato da Luca Annibaletti Fim e Fiom che però non abbassano la guardia. (SEGUE)

"Per noi ci sono tutte le condizioni per mettere in campo iniziative di rilancio, di miglioramento della qualità, di recupero di efficienza dalla tipologia delle produzioni di alta gamma, partendo anche da risorse finanziarie che le istituzioni locali e nazionali potranno mettere a disposizione" spiega il segretario nazionale Fim, Ferdinando Uliano, poco convinto dalle ragioni del Ad di Rolan Group a giustificazione della chiusura. Il calo della produzione e la crisi di mercato denunciate dalla multinazionale svizzera "rappresentano situazioni di natura congiunturale che non possono essere affrontate con scelte strutturali di chiusura dell’impianto", aggiunge.

Anche la Fiom incassa il risultato e attende la partenza di un confronto che deve avvenire dice, " senza pregiudiziali per trovare soluzione per mantenere la produzione e l’occupazione". Una chiusura del sito, d'altra aprte, ammoniscono le tute blu della Cgil, sarebbe "un disastro per le prospettive industriali e occupazionali del territorio e un duro colpo alla filiera del Made in Italy in particolare quella dell’extra lusso che peraltro è tutt’altro che in crisi". Per questo è necessario "richiamare alle proprie responsabilità le aziende a cui forniscono i cerchioni per le auto, a partire da Lamborghini, Ferrari e Maserati, che stanno predisponendo, tra l'altro, nuovi modelli per il futuro".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli