Italia markets close in 1 hour 22 minutes
  • FTSE MIB

    22.166,63
    +159,23 (+0,72%)
     
  • Dow Jones

    30.090,16
    +120,64 (+0,40%)
     
  • Nasdaq

    12.432,09
    +54,91 (+0,44%)
     
  • Nikkei 225

    26.751,24
    -58,13 (-0,22%)
     
  • Petrolio

    46,02
    +0,38 (+0,83%)
     
  • BTC-EUR

    15.668,74
    -187,39 (-1,18%)
     
  • CMC Crypto 200

    374,05
    -5,20 (-1,37%)
     
  • Oro

    1.846,60
    +5,50 (+0,30%)
     
  • EUR/USD

    1,2165
    +0,0016 (+0,13%)
     
  • S&P 500

    3.686,03
    +19,31 (+0,53%)
     
  • HANG SENG

    26.835,92
    +107,42 (+0,40%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.531,39
    +14,29 (+0,41%)
     
  • EUR/GBP

    0,8997
    -0,0029 (-0,32%)
     
  • EUR/CHF

    1,0814
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,5573
    -0,0044 (-0,28%)
     

Spesa italiani per contenuti digitali +20% a 1,8 mld euro

Lzp
·2 minuto per la lettura

Milano, 5 nov. (askanews) - La spesa degli italiani per fruire di contenuti digitali nel 2019 è stata complessivamente pari a 1,785 miliardi di euro, in crescita del +20% rispetto all'anno precedente. Il rapporto con il numero di Internet User in Italia, saliti a quota 39 milioni, evidenzia una spesa media di circa 46 euro l'anno a utente (+17,5%). Nel corso del 2020 (relativamente ai soli canali digitali) il 40% degli internet users italiani ha aumentato il tempo dedicato ai contenuti di video entertainment, il 20% ai contenuti editoriali, il 14% ai videogames e il 12% alla musica online. Queste alcune delle evidenze emerse dalla fotografia scattata dalla prima edizione dell'Osservatorio Digital Content, promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano. "Il settore del Digital Content, insieme con l'eCommerce B2c e con il mercato degli strumenti per la produttività a distanza, ha ottenuto un grande impulso dalla pandemia e sta rafforzando il proprio valore. Un impulso che ha portato nuove abitudini nei consumatori che si protrarranno nei prossimi mesi e che rimarranno a pandemia terminata, imponendo ai player di rivedere le proprie strategie", dichiara Umberto Bertelè, chairman degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano. Il mercato dei contenuti digitali in Italia, inteso come i ricavi generati dalle piattaforme di distribuzione, è distinguibile in due componenti: la spesa del consumatore (ossia la somma spesa dagli utenti per fruire dei contenuti, attraverso la sottoscrizione di abbonamenti e l'acquisto di singoli contenuti) e la raccolta pubblicitaria. "In Italia il Gaming è il segmento più rilevante, con una spesa di circa 1,13 miliardi di euro (pari al 63% dei volumi complessivi) seguono la fruizione digitale di Video, per i quali i consumatori hanno speso quasi 390 milioni di euro, l'Editoria e la Musica (rispettivamente con 141 e a 129 milioni di euro)", dichiara Samuele Fraternali, direttore dell'Osservatorio Digital Content. (segue)