Italia markets close in 5 hours 20 minutes
  • FTSE MIB

    26.869,87
    +63,68 (+0,24%)
     
  • Dow Jones

    35.490,69
    -266,19 (-0,74%)
     
  • Nasdaq

    15.235,84
    +0,12 (+0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.820,09
    -278,15 (-0,96%)
     
  • Petrolio

    81,58
    -1,08 (-1,31%)
     
  • BTC-EUR

    52.658,93
    +1.519,27 (+2,97%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.474,47
    +0,14 (+0,01%)
     
  • Oro

    1.799,00
    +0,20 (+0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,1601
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • S&P 500

    4.551,68
    -23,11 (-0,51%)
     
  • HANG SENG

    25.555,73
    -73,01 (-0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.225,74
    +4,86 (+0,12%)
     
  • EUR/GBP

    0,8430
    -0,0011 (-0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0644
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,4339
    -0,0001 (-0,01%)
     

Spid, Cie, Cns. Scatta l'obbligo per accedere ai servizi della P.A.

·2 minuto per la lettura
.. (Photo: ..)
.. (Photo: ..)

Da oggi, venerdì 1 ottobre, grande ”switch” nei servizi della Pubblica Amministrazione. Fisco, Inps, Inail, Amministrazioni Pubbliche, Comuni sopra i 5.000 abitanti. Come previsto dal decreto “semplificazione e innovazioni digitali” del luglio 2020 poi convertito in legge a settembre dopodomani scadono le vecchie credenziali e si potrà avere accesso ai servizi pubblici on line solo attraverso Spid ((Sistema pubblico di identità digitale), Cie (Carta d’identità elettronica) o la Cns (Carta nazionale dei servizi).

Lo “switch” era già annunciato da tempo e non è stato prorogato, per cui ora le nuove chiavi di accesso diventano obbligatorie per agire con le diverse pubbliche amministrazioni. Insomma addio a pin e altri identificativi creati ad hoc dalle singole amministrazioni, la più famosa Fisconline creata dall’Agenzia delle Entrate, che in questi anni ha reso possibile presentare le dichiarazioni dei redditi e interagire con il Fisco.

Chi fino ad adesso non ha provveduto a passare alle nuove identità digitali - peraltro attive già dallo scorso primo marzo - dovrà affrettarsi a farlo, pena l’impossibilità di esercitare i propri diritti e agire per i propri interessi nei confronti della P.A. Una vera Rivoluzione che, se da un lato rischia di creare dei cittadini di serie A e dei cittadini di serie B, dovrebbe rivelarsi un vantaggio in termini di comodità per il cittadino e, al tempo stesso, per le amministrazioni che non dovranno più farsi carico di gestire sistemi di rilascio e gestione delle credenziali di accesso, risparmiando tempo e risorse.

Resta il problema dei soggetti che non sono molto amici del computer, come ad esempio le persone più anziane. Il tema è stato avanzato dai sindacati dei pensionati, e risolto permettendo ai figli e nipoti di sostituirsi all’avo, come peraltro già succede normalmente per gli altri delegando un professionista che usa le credenziali del cliente per agire a suo nome e per conto di lui.
Al momento il grande switch non riguarderà tutti. Mantengono i vecchi sistemi, i Comuni sotto i 5.000 abitanti - che possono proseguire a dialogare realmente con i propri cittadini fino alla fine dell’emergenza pandemica e salvo ulteriori proroghe - e per i professionisti e le imprese che mantengono le vecchie credenziali. Per queste ultime categorie non è stato ancora deciso quando si passerà a Spid, Cie o Cns, ma lo switch avverrà anche per loro.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli