Lo spread risale e Piazza Affari chiude in ribasso. Incognite sulla tenuta del governo Monti

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
B8Z.BE1,730,82
BPD.BE4,990,00
BMPS.MI0,230,01
DAI.DE65,32+1,33

La Borsa di Milano ha chiuso la seduta in ribasso pagando le vendite che hanno colpito il comparto finanziario e il tonfo di Saipem (Dusseldorf: 577305.DU - notizie) . Lo spread è risalito in area 325 punti base in scia alle crescenti incognite sulla tenuta del governo Monti. Nel pomeriggio il presidente Napolitano ha dichiarato che bisogna evitare una conclusione convulsa della legislatura. Rispettando le attese della vigilia la Bce ha mantenuto i tassi d’interesse invariati allo 0,75% e ha rivisto al ribasso le previsioni di crescita della zona euro per il periodo 2012-2013. Mario Draghi ha dichiarato che l’inflazione resta a livelli elevati, seppur in rallentamento, e nel corso del 2013 dovrebbe riportarsi sotto il 2%. Il listino milanese ha snobbato il dato sulle richieste settimanali di sussidi alla disoccupazione negli Usa, scese a 370 mila contro attese che indicavano 380 mila. In questo quadro a Piazza Affari l’indice Ftse Mib (MDD: FTSEMIB.MDD - notizie) ha ceduto lo 0,75% a 15.835 punti. Il terremoto che si è abbattuto su Saipem si è fatto sentire sul titolo della controllata di Eni (EUREX: E1NT.EX - notizie) che è scivolata sul fondo del paniere principale con un tonfo del 6,70% a 30,49 euro. A scuotere la galassia del Cane a sei zampe un’inchiesta che coinvolge Saipem per alcune attività in Algeria. Il titolo del gruppo di San Donato Milanese ha mostrato una perdita più contenuta lasciando sul parterre lo 0,34% a 17,84 euro. Le vendite hanno colpito anche il comparto bancario: Ubi Banca (Berlino: BPD.BE - notizie) ha ceduto il 2,77% a 3,086 euro, Mediobanca (EUREX: 574959.EX - notizie) l’1,56% a 4,296 euro, Intesa SanPaolo (Dusseldorf: 575913.DU - notizie) l’1,37% a 1,294 euro, Banco Popolare (Berlino: B8Z.BE - notizie) l’1,11% a 1,158 euro, Popolare di Milano l’1,50% a 0,407 euro, Monte dei Paschi (Milano: BMPS.MI - notizie) il 2,44% a 0,207 euro, Unicredit (EUREX: C2RI.EX - notizie) l’1,02% a 3,696 euro. Telecom Italia (Other OTC: TIAOF.PK - notizie) (-1,74% a 0,706 euro) ha chiuso debolmente nel giorno del Cda (Sao Paolo: YPFL3.SA - notizie) , mentre Fiat (Milano: F.MI - notizie) ha guadagnato lo 0,22% a 3,584 euro con Chrysler (Xetra: 710000 - notizie) che lancerà nel terzo trimestre del 2013 nuovi modelli Jeep in India e nel 2014 quattro nuovi modelli Fiat, tra cui la nuova Linea e la Punto. Mediaset (Dusseldorf: MDS.DU - notizie) (+1,88% a 1,407 euro) ben comprata in scia all’upgrade di Exane che ha portato il giudizio sul Biscione a neutral dal precedente underperform.

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.534,52 +3,44% 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.139,26 +1,54% 17:50 CEST
Ftse 100 6.584,17 0,65% 17:35 CEST
Dax 9.317,82 +1,57% 17:45 CEST
Dow Jones 16.396,27 0,82% 21:03 CEST
Nikkei 225 14.417,68 +3,01% 08:00 CEST

Ultime notizie dai mercati