Italia markets close in 2 hours 25 minutes
  • FTSE MIB

    24.385,15
    -67,78 (-0,28%)
     
  • Dow Jones

    33.587,66
    -681,50 (-1,99%)
     
  • Nasdaq

    13.031,68
    -357,75 (-2,67%)
     
  • Nikkei 225

    27.448,01
    -699,50 (-2,49%)
     
  • Petrolio

    64,61
    -1,47 (-2,22%)
     
  • BTC-EUR

    41.568,86
    -5.378,68 (-11,46%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.365,27
    -198,56 (-12,70%)
     
  • Oro

    1.816,60
    -6,20 (-0,34%)
     
  • EUR/USD

    1,2096
    +0,0020 (+0,17%)
     
  • S&P 500

    4.063,04
    -89,06 (-2,14%)
     
  • HANG SENG

    27.718,67
    -512,37 (-1,81%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.947,43
    +1,37 (+0,03%)
     
  • EUR/GBP

    0,8611
    +0,0024 (+0,28%)
     
  • EUR/CHF

    1,0966
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4661
    +0,0019 (+0,13%)
     

Sprint delle banche sul Ftse Mib, Barclays infonde ottimismo con raffica di promozioni

Titta Ferraro
·1 minuto per la lettura

Prima parte di seduta in crescendo per le banche del Ftse Mib, reduci da una settimana difficile. A fare la voce grossa sono Intesa (+1,8% a 2,261 euro), Unicredit a +1,8% a 8,23 euro e Mediobanca +1,5%. Appaiate a +1% circa ci sono poi Banco BPM e Bper. In attesa dei conti trimestrali in arrivo settimana prossima, oggi Barclays fa il punto sulle banche italiane e mette mano a stime e valutazioni. Intesa Sanpaolo rimane la preferita (overweight con tp che sale da 2,4 a 2,8 euro). Overweight confermato anche su Banco BPM con target price salito da 2,4 a 2,7 euro. Overweight anche su Bper con target price da 1,9 a 2 euro. Sale il prezzo obiettivo anche su Credem (da 4,7 a 5,10 euro, rating equalweight), Mediobanca (overweight con tp da 9,8 a 11,20 euro) e Unicredit (equalweight con tp da 8,6 a 9 euro). Unica revisione al ribasso del prezzo obiettivo quella su MPS (da 1,1 a 1 euro) con rating underweight confermato. Nel focus dedicato alle banche italiane, Barclays indica 'venti contrari' sul margine d'interesse nel primo trimestre dell'anno. In media stima il Net Interest Income in calo del 5% t/t, mentre vede solide tendenze delle commissioni (-2% t/t e +3% a/a).