Italia Markets open in 4 hrs 14 mins

Starace: economia verde per ricchezza e uguaglianza sociale

Gab

Roma, 26 gen. (askanews) - "La mia percezione è che esista ormai una chiara visione di come sia sempre più rischioso andare avanti come prima. I grandi fondi che gestiscono i risparmi hanno ben compreso che saranno in grado di assicurare un ritorno economico solo investendo in aziende e progetti che si occupano di sostenibilità, di economia circolare, di lotta al cambiamento climatico. Se non lo fanno, rischieranno di scomparire dal mercato. La consapevolezza di questo fenomeno è tale per cui la domanda da farsi non è più se succederà, ma la velocità con cui avverrà la trasformazione dell'economia". Lo ha affermato l'amministratore delegato di Enel, Francesco Starace, in un'intervista a Repubblica dopo aver preso parte sia al World economic Forum di Davos sia al Manifesto di Assisi che hanno avuto come tema centrale l'emergenza climatica e ambientale.

"E' utile che, a Davos come ad Assisi - ha aggiunto - ci si ritrovi a parlarne. Perché non è detto che chi gestisce il più grande fondo di investimento del mondo capisca perfettamente quello che succede nel mondo. È giusto che chi ha grandi responsabilità si senta dire cosa non funzioni".

A proposito di quanto tempo ci vorrà prima che si imponga l'economia sostenibile, secondo l'Ad di Enel ritiene "che già il prossimo anno concetti come quelli appena espressi saranno dati per assodati. E che nell'arco di 5-10 anni la rivoluzione tecnologica in atto si imponga definitivamente. Per esperienza ho visto che le previsioni degli esperti vanno sempre tagliate di almeno un terzo". (Segue)