Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.766,09
    +280,08 (+1,14%)
     
  • Dow Jones

    34.382,13
    +360,68 (+1,06%)
     
  • Nasdaq

    13.429,98
    +304,99 (+2,32%)
     
  • Nikkei 225

    28.084,47
    +636,46 (+2,32%)
     
  • Petrolio

    65,51
    +1,69 (+2,65%)
     
  • BTC-EUR

    40.209,68
    -128,95 (-0,32%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,33
    +39,77 (+2,93%)
     
  • Oro

    1.844,00
    +20,00 (+1,10%)
     
  • EUR/USD

    1,2146
    +0,0062 (+0,51%)
     
  • S&P 500

    4.173,85
    +61,35 (+1,49%)
     
  • HANG SENG

    28.027,57
    +308,90 (+1,11%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.017,44
    +64,99 (+1,64%)
     
  • EUR/GBP

    0,8610
    +0,0014 (+0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0943
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,4697
    +0,0005 (+0,04%)
     

Statali, al via negoziato rinnovo ccnl per 270 mila dipendenti, aumenti 107 euro e smart working al centro

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·3 minuto per la lettura

Domani pomeriggio parte la trattativa per il rinnovo contrattuale del comparto Funzioni centrali all’Aran, l’Agenzia per la Rappresentanza negoziale pubbliche amministrazioni, per la tornata 2019-2021. Questo negoziato riguarda 270 mila statali delle amministrazioni centrali, dai ministeri alle Agenzie fiscali agli enti pubblici non economici come l’Inps, l’Inail, l’Inpdap, l’Ice ed altri. Ma la partenza riguarda tutti i 3,2 milioni di dipendenti pubblici e questa trattativa fa da apripista ai rinnovi degli altri comparti: Sanità, Scuola e Funzioni locali. Il nuovo contratto porterà ad un aumento di 107 euro medio in busta paga (+4% ripartito tra stipendio e parte accessoria (con il consolidamento dell’elemento perequativo). Ma oltre a stabilire gli incrementi retributivi, dovrà disciplinare gli istituti normativi dello smart working e riformare l’ordinamento professionale di tutti i comparti, ovvero le qualifiche del personale non dirigente, un capitolo fermo dal 2000.

“Il clima è positivo grazie anche alla firma del Patto per l’innovazione del lavoro pubblico e la coesione sociale firmato dal Premier Draghi, dal ministro Renato Brunetta e dai leader di Cgil Cisl e Uil e, successivamente da Confsal, Cisal e Confedir, e crea un buon presupposto per dialogare, poi certo, le trattative sono sempre complicate” afferma Antonio Naddeo, presidente dell’Aran, alla vigilia dell’avvio delle trattative conversando con l’Adnkronos.

“Vorremmo chiudere i contratti nel più breve tempo possibile, auspico entro luglio la firma del ccnl Funzioni centrali e l’apertura a breve del contratto Sanità per 600 mila dipendenti tra medici, infermieri e personale amministrativo – sostiene il presidente dell'Aran – non appena arriverà l’atto indirizzo da parte del comitato di settore delle Regioni, dopo la verifica del Mef, che lo stesso Brunetta ha sollecitato di recente, in modo da poter svolgere più trattative simultaneamente”. La tabella di marcia è piuttosto serrata e “non è escluso che entro l’estate possano partire anche gli altri comparti: Scuola e Funzioni locali, anche per loro infatti si stanno predisponendo gli atti di indirizzo” spiega Naddeo.

Due le novità più rilevanti dei nuovi contratti: la regolamentazione del lavoro agile e dell’ordinamento professionale. “La regolamentazione del lavoro agile degli istituti normativi ed economici e comprende aspetti molto importanti quali l’erogazione dei buoni pasto, le ferie, i permessi, il diritto alla disconnessione, le eventuali indennità”. I contratti dovranno disciplinare il nuovo ordinamento professionale e dar seguito all’importante lavoro fatto dalle commissioni paritetiche (Aran-sindacati) per i vari comparti.

"La revisione dell’ordinamento professionale, l’attuale fu introdotto nel 2000, assume rilievo particolare in vista di una riorganizzazione complessiva delle pubbliche amministrazioni. Dovrà stabilire come inquadrare il personale, le possibilità di carriera, le professioni economiche orizzontali, istituti rivolti ai funzionari, ai collaboratori, e deve individuare una figura di ‘elevata professionalità’ che non è il dirigente ma che abbia requisiti culturali e professionali specifici per la conduzione di alcuni settori. Alcune scelte che verranno prese sul lavoro agile e sull’ordinamento professionale potranno essere seguite anche da altri comparti quali sanità e Funzioni locali”.