Italia markets close in 29 minutes
  • FTSE MIB

    18.985,32
    -300,09 (-1,56%)
     
  • Dow Jones

    27.605,39
    -730,18 (-2,58%)
     
  • Nasdaq

    11.343,27
    -205,01 (-1,78%)
     
  • Nikkei 225

    23.494,34
    -22,25 (-0,09%)
     
  • Petrolio

    38,67
    -1,18 (-2,96%)
     
  • BTC-EUR

    10.995,40
    -42,06 (-0,38%)
     
  • CMC Crypto 200

    259,50
    -3,92 (-1,49%)
     
  • Oro

    1.906,90
    +1,70 (+0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,1820
    -0,0048 (-0,40%)
     
  • S&P 500

    3.393,15
    -72,24 (-2,08%)
     
  • HANG SENG

    24.918,78
    +132,68 (+0,54%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.111,51
    -87,35 (-2,73%)
     
  • EUR/GBP

    0,9074
    -0,0020 (-0,22%)
     
  • EUR/CHF

    1,0721
    -0,0002 (-0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,5616
    +0,0057 (+0,37%)
     

Statali, Uilpa: affrontare subito i rinnovi contrattuali

Vis
·1 minuto per la lettura

Roma, 14 ago. (askanews) - "E' ora di avviare il percorso di crescita del nostro Paese e tra le numerose cose da affrontare c'è il tema del rinnovo dei contratti. Per farlo in modo dignitoso saranno necessarie ulteriori risorse da appostare nella prossima legge di bilancio, che assicurino a regime una cifra in linea con i rinnovi contrattuali di altre categorie di lavoratori". Lo afferma in una nota il segretario generale della Uilpa, Nicola Turco. "Non dimentichiamoci - dice - che vanno ancora recuperati gli effetti economici derivanti dal salto di ben due tornate contrattuali e che l'ultimo contratto sottoscritto per le Funzioni Centrali ha avuto il solo scopo di rimettere in moto il meccanismo della contrattazione, che dovrà essere in questa circostanza straordinariamente potenziato, ma in termini economici non ha certamente soddisfatto le aspettative dei lavoratori. I discorsi in tema di innovazione, digitalizzazione e massimo efficientamento della macchina pubblica, che recentemente abbiamo ascoltato con grande attenzione ed interesse, sono destinati a svuotarsi di ogni potenzialità se poi non si pone al centro dell'attenzione il lavoratore ovvero colui che deve essere il protagonista del nuovo scenario". Turco sottolinea che "abbiamo dimostrato che l'ossatura del Paese si è retta sull'impegno e sulla competenza di donne e uomini che hanno garantito alla collettività i servizi primari, definiti prima eroi e oggi miseramente finiti nel dimenticatoio a testimonianza di come la gratitudine non sia più un sentimento che appartiene alla politica". I lavoratori dipendenti sono prima di tutto cittadini di questo Paese, quelli su cui grava la maggiore entità del gettito Irpef, trattenuto alla fonte e versato nelle casse dello Stato per far fronte alla spesa per i servizi di primaria importanza in favore di tutta la collettività".