FTSE MIB
21.534,52
+717,03
+3,44%
Genera grafico per FTSEMIB.MI
ALL-SHARE
22.950,83
+716,20
+3,22%
ITLMS.MI
Ftse 100
6.584,17
+42,56
0,65%
^FTSE
Dax
9.317,82
+144,11
+1,57%
^GDAXI
Dow Jones
16.424,85
+162,29
+1,00%
^DJI
S&P 500
1.862,31
+19,33
+1,05%
^GSPC
Nikkei 225
14.365,91
-51,77
0,36%
^N225
Euro-Dollaro
1,3841
0,0026
0,19%
Genera grafico per EURUSD=X
Euro-Sterlina
0,8222
0,0003
0,03%
EURGBP=X
Euro-Franc...
1,2181
0,0002
0,01%
EURCHF=X
Dollaro-St...
0,5940
0,0013
0,22%
USDGBP=X
Euro-Yen
141,1760
0,0807
0,06%
EURJPY=X
Euro-Yuan
8,6067
0,0124
0,14%
EURCNY=X
Euro-Rublo
49,8573
0,0352
0,07%
EURRUB=X
Petrolio gr.
104,00
0,24
0,23%
Genera grafico per CLK14.NYM
Gas naturale
4,54
0,01
0,24%
NGK14.NYM
Oro
1.301,50
-2,00
0,15%
GCM14.CMX
Argento
19,56
0,07
0,38%
SIK14.CMX
Rame
3,04
0,01
0,45%
HGK14.CMX
Grano
694,25
+6,25
0,91%
WK14.CBT
Mais
506,00
+2,50
0,50%
CN14.CBT
 

Stati Uniti, minaccia fiscal cliff

Nessun accordo sul fiscal cliff. Non c’è stato alcun voto per il “piano B” dello speaker della Camera repubblicana, John Boehner. Tutto saltato perché mancavano i voti necessari. Il “piano B” di Boehner prevedeva un aumento delle tasse solo per chi guadagna oltre un milione di dollari. “Ora sta al presidente Barack Obama lavorare con il leader della maggioranza in Senato Harry Reid a una norma che eviti il fiscal cliff”, ha detto Boehner.

Un passo falso quello dello speaker della Camera che sottolinea le tensioni che esistono all’interno del partito. Si tratta, in verità, già del secondo fallimento di Boehner dopo che, nel 2011, durante le trattative sull’aumento del tetto del debito, il suo stesso partito, ostaggio dei Tea Party, gli aveva fatto mancare l’appoggio necessario. Questa volta lo speaker repubblicano, il principale interlocutore della Casa Bianca nelle trattative per evitare il fiscal cliff, stecca senza riuscire a richiamare all’ordine e controllare i suoi colleghi di partito.

Lo stesso Obama ha dichiarato come “esistono dei problemi tra Boehner e i repubblicani della Camera”, ma si dice pronto a lavorare con il Congresso: “Abbiamo fiducia nel fatto che saremo in grado di trovare una soluzione bipartisan rapidamente (rimangono poco più di 10 giorni utili, ndr) che tuteli la classe media e l’economia”. La priorità – sempre secondo la Casa Bianca – è quella di evitare un aumento delle tasse per il 98% degli americani e per il 97% delle piccole e media imprese. Se non si dovesse raggiungere un accordo entro la fine dell’anno, dal primo gennaio gli americani si troveranno a far fronte ad aliquote più alte, in media, di 2mila e 200 dollari l’anno.

Le difficoltà sono anche legate alle Feste. I lavori si fermeranno per la pausa natalizia e il tempo utile per trovare una soluzione diminuisce. Questo fine settimana potrebbe essere cruciale per vedere se c’è spazio per un compromesso. La Casa Bianca vuole un’intesa e si dice ottimista e pronta a trattare: l’ultima proposta presentata da Obama è modificabile, come ha confermato Jay Carny, il portavoce della Casa Bianca, anche se non ci sono molti spazi di manovra perché Obama ha già assecondato, per metà, le richieste repubblicane.

E il mancato accordo sul baratro fiscale americano preoccupa i mercati europei. A Milano Piazza Affari, nell’ultima seduta di Natale, cede lo 0,7% come Londra, mentre Francoforte arretra dello 0,4% e Parigi dello 0,3%. Spread in leggera salita: il differenziale di rendimento tra Btp e Bund decennali si porta a 305 punti base rispetto ai 299 punti della chiusura di giovedì. Sul fronte valutario, l’euro è in lieve calo a 1,3210 dollari da quota 1,3244 segnata nella giornata precedente dopo la chiusura di Wall Street. Sul fronte macroeconomico, la fiducia dei consumatori tedeschi è stimata in contrazione a gennaio. L’indice Dfk scivola a 5,6 punti, dai 5,9 punti, a causa del deterioramento delle aspettative. Meglio in Francia, l’indice sulla fiducia delle imprese è salito a 89 punti in dicembre dagli 88 di novembre.

Sul fronte asiatico, seconda chiusura negativa di fila alla Borsa di Tokyo. Tutti i guadagni della giornata sono stati bruciati nelle ultime ore di contrattazioni, quando le notizie del perdurante braccio di ferro sul fiscal cliff negli Usa hanno innervosito gli investitori nipponici, spingendoli a vendere. Al termine delle contrattazioni l’indice Nikkei dei 225 titoli-guida è arretrato così al di sotto della soglia psicologica dei 10mila punti, superata appena qualche giorno fa, cedendone 99,27 pari allo 0,99% per finire a quota 9.940,06. E anche il petrolio è in calo sui mercati asiatici, la qualità Wti cede 70 cent a 89,43 dollari mentre il Brent perde 45 cent a 109,75 dollari. Evitare il fiscal cliff, entro la fine dell’anno, diventa importante anche per spazzare via la sfiducia dai mercati. Oltre che per non ammazzare l’economia a stelle e strisce.


Discesa da 3 a 5 barre
Qui di seguito tratteremo un pattern elaborato da Oliver Velez e Frank Capra, autori di Master Trader, che reputo uno tra i migliori libri tradotti in italiano sulle tecniche di trading...
Come usare la
Andrews' Pitchfork

La Andrews’ Pitchfork prende
il nome dal suo ideatore, Alan Andrews che ha messo a punto questo strumento per identificare
gli obiettivi di prezzo e calcolare
la velocità con la quale tali obiettivi possono essere raggiunti...
Un setup completo di ingresso con la Barra di Esaurimento
Uno dei miei pattern preferiti
di inversione è senz’altro quella
che definisco come “Barra di Esaurimento” che per brevità
d’ora innanzi indicheremo con
la sigla “BE”...


UNA PAROLA AL GIORNO


Rialzista
Sai che cosa si indica con questo termine nel linguaggio finanziario e borsistico? Scoprilo subito!


Le ultime notizie

  • Il fiscal cliff frena le Borse. Titoli da preferire e da evitare
    Fiscal Cliff, corsa contro il tempo Yahoo! Finanza - ven 28 dic 2012 18:35 CET

    Una corsa contro il tempo. Questione di giorni. Anzi, di ore. L’America ha tempo fino al 31 dicembre per evitare il baratro fiscale. Lo spettro del “fiscal cliff” diventa … Continua »Fiscal Cliff, corsa contro il tempo

    Il fiscal cliff frena le Borse. Titoli da preferire e da evitare

    Una corsa contro il tempo. Questione di giorni. Anzi, di ore. L’America ha tempo fino al 31 dicembre per evitare il baratro fiscale. Lo spettro del “fiscal cliff” diventa sempre più minaccioso anche perché, ad oggi, il presidente Barack Obama e il Congresso (a maggioranza repubblicana) non hanno trovato nessun accordo.

  • Barack Obama torna alla Casa Bianca
    Stati Uniti, minaccia fiscal cliff Yahoo! Finanza - ven 21 dic 2012 14:42 CET

    Nessun accordo sul fiscal cliff. Non c’è stato alcun voto per il “piano B” dello speaker della Camera repubblicana, John Boehner. Tutto saltato perché mancavano i voti … Continua »Stati Uniti, minaccia fiscal cliff

    Barack Obama torna alla Casa Bianca

    Nessun accordo sul fiscal cliff. Non c’è stato alcun voto per il “piano B” dello speaker della Camera repubblicana, John Boehner. Tutto saltato perché mancavano i voti necessari. Il “piano B” di Boehner prevedeva un aumento delle tasse solo per chi guadagna oltre un milione di dollari.

  • Europa, ora il debito tedesco fa paura Yahoo! Finanza - mer 19 dic 2012 16:26 CET

    Anche la Germania deve fare i conti con il suo debito pubblico. Secondo Bruxelles non ci sono rischi nel breve termine, ma bisogna ridurre il debito. Tutta colpa della … Continua »Europa, ora il debito tedesco fa paura

    Anche la Germania deve fare i conti con il suo debito pubblico. Secondo Bruxelles non ci sono rischi nel breve termine, ma bisogna ridurre il debito. Tutta colpa della spesa previdenziale e sanitaria di uno Stato sempre più vecchio. Il Rischio è che il debito non scenderà sotto il 60% del Pil prima del 2030. Uno smacco …

  • La mossa di Mario Draghi
    Mario Draghi, uomo dell'anno per il FT Yahoo! Finanza - ven 14 dic 2012 14:52 CET

    “L’italiano determinato a salvare l’euro”. Il Financial Times ha incoronato Mario Draghi l’uomo dell’anno 2012. Ecco cosa ha fatto negli ultimi 12 mesi il governatore … Continua »Mario Draghi, uomo dell'anno per il FT

    La mossa di Mario Draghi

    “L’italiano determinato a salvare l’euro”. Il Financial Times ha incoronato Mario Draghi l’uomo dell’anno 2012. Ecco cosa ha fatto negli ultimi 12 mesi il governatore della Banca Centrale Europea.

  • Che Mario Monti non sia Lohengrin?
    Crisi di governo: ecco cosa Monti non riuscirà a fare … Yahoo! Finanza - mer 12 dic 2012 17:04 CET

    Non c’è tempo per portare a termine tutto quello che era già stato cominciato. Il governo Monti, arrivato al capo linea, non riuscirà a completare alcune riforme che … Continua »Crisi di governo: ecco cosa Monti non riuscirà a fare …

    Che Mario Monti non sia Lohengrin?

    Non c’è tempo per portare a termine tutto quello che era già stato cominciato. Il governo Monti, arrivato al capo linea, non riuscirà a completare alcune riforme che aveva già avviato, come quella del riordino delle Provincie o la delega fiscale.