Italia markets open in 8 hours 28 minutes
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    +396,48 (+3,01%)
     
  • Nikkei 225

    29.663,50
    +697,49 (+2,41%)
     
  • EUR/USD

    1,2053
    -0,0035 (-0,29%)
     
  • BTC-EUR

    41.256,93
    +3.379,55 (+8,92%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,63
    +54,40 (+5,86%)
     
  • HANG SENG

    29.452,57
    +472,36 (+1,63%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     

Stellantis, Fiom-Cgil: politica faccia la sua parte con Tavares

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Torino, 2 feb. (askanews) - Il nuovo gruppo automobilistico Stellantis "porterà produzioni nel torinese solo se percepirà che gli conviene, ci vogliono interlocutori credibili che vadano a parlare con l'amministratore delegato Tavares". Lo ha affermato il segretario della Fiom-Cgil di Torino, Edi Lazzi, che ha presentato i dati di una ricerca della Fiom sul declino industriale del capoluogo piemontese.

"La politica locale e il governo - secondo Lazzi - devono poter dire che il Recovery plan verrà usato in parte a Torino. Devono far capire che siamo una città industriale e manifatturiera, che crede nell'innovazione, nella guida autonoma o nell'intelligenza artificiale. All'interno di questi progetti occorre chiedere dei finanziamenti e attrarre imprese e investitori. Altrimenti entro cinque anni saremo ancora più poveri e arriveremo a un punto di non ritorno".

"Solo la politica può fare questo. Il sindacato può indicare una strada e ricordare che i lavoratori hanno già fatto 14 anni di cassa integrazione e che se c'è una prospettiva hanno voglia di tornare a lavoro: non sono per l'assistenzialismo", ha aggiunto Lazzi, sollecitando anche un ricambio generazionale tra le tute blu di Stellantis e dell'indotto.