Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • Dow Jones

    39.069,23
    -62,30 (-0,16%)
     
  • Nasdaq

    15.976,25
    -20,57 (-0,13%)
     
  • Nikkei 225

    39.233,71
    +135,03 (+0,35%)
     
  • EUR/USD

    1,0853
    +0,0031 (+0,28%)
     
  • Bitcoin EUR

    50.467,87
    +2.780,51 (+5,83%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • HANG SENG

    16.634,74
    -91,12 (-0,54%)
     
  • S&P 500

    5.069,53
    -19,27 (-0,38%)
     

Stellantis prevede lancio 8 modelli basati su piattaforma Bev Stla Large in 2024-26

Il logo Stellantis in occasione del Salone internazionale dell'Automobile a New York

MILANO (Reuters) - Stellantis prevede il lancio di otto modelli fino al 2026 progettati sulla base della nuova piattaforma per le auto elettriche con tecnologia Bev denominata 'Stla Large', presentata oggi dal gruppo.

Stla Large è la seconda delle quattro piattaforme Bev globali previste dal gruppo per raggiungere gli obiettivi del piano strategico al 2030 dopo quella denominata 'Stla Medium', svelata lo scorso luglio, spiega una nota.

Si tratta di una piattaforma flessibile, con prestazione leader nel proprio segmento in termini di capacità della batteria, efficienza di ricarica e accelerazione, in grado di supportare diversi tipi di veicoli come berline, crossover e Suv nei segmenti D ed E.

Inizialmente sarà utilizzata per il mercato nordamericano dai brand Dodge e Jeep, che saranno seguiti da altri marchi, tra cui Alfa Romeo, Chrysler e Maserati per un totale di otto modelli lanciati nel periodo 2024-2026.

"I veicoli fullsize basati su Stla Large sono focalizzati sulla domanda dei clienti nei principali mercati globali", dice Stellantis.

La nuova piattaforma sarà prodotta in diversi stabilimenti in Europa e Nord America e saranno disponibili varianti multi-energia, tra cui ibride e a combustione interna.

Nell'ambito del proprio piano di elettrificazione Stellantis sta investendo più di 50 miliardi di euro nel prossimo decennio per raggiungere l'obiettivo del 100% del mix di vendite con veicoli elettrici a batteria (Bev) in Europa e il 50% con autovetture e veicoli commerciali leggeri Bev negli Usa entro il 2030.

Per raggiungere questi obiettivi il gruppo si sta assicurando circa 400 GWh capacità pianificata di batterie, grazie al supporto di sei impianti di produzione di batterie in Nord America e in Europa.

(Andrea Mandalà, editing Sabina Suzzi)