Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.489,18
    +211,61 (+0,81%)
     
  • Dow Jones

    35.294,76
    +382,20 (+1,09%)
     
  • Nasdaq

    14.897,34
    +73,91 (+0,50%)
     
  • Nikkei 225

    29.068,63
    +517,70 (+1,81%)
     
  • Petrolio

    82,66
    +1,35 (+1,66%)
     
  • BTC-EUR

    52.520,07
    -368,41 (-0,70%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.464,06
    +57,32 (+4,07%)
     
  • Oro

    1.768,10
    -29,80 (-1,66%)
     
  • EUR/USD

    1,1606
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    4.471,37
    +33,11 (+0,75%)
     
  • HANG SENG

    25.330,96
    +368,37 (+1,48%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.182,91
    +33,85 (+0,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8437
    -0,0041 (-0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0701
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4344
    +0,0001 (+0,01%)
     

Stellantis, sindacati francesi criticano cassa integrazione contro carenza chip

·1 minuto per la lettura
Logo Stellantis a Mirafiori

PARIGI (Reuters) - Due dei maggiori sindacati di Stellantis hanno criticato il modo in cui la casa automobilistica sta implementando lo schema di cassa integrazione in Francia per mitigare l'impatto del calo di produzione causato dalla carenza di chip a livello globale.

Stellantis e altri gruppi automobilistici sono stati colpiti da una serie di difficoltà nella catena di approvvigionamento durante la pandemia di Covid-19, in particolare nella fornitura di chip fondamentali per la produzione di veicoli. A fine agosto Stellantis ha esteso la sospensione della produzione in diversi stabilimenti europei.

L'accordo in Francia sulla cassa integrazione, approvato da quattro sindacati di Stellantis, permette all'azienda di ridurre il numero di ore lavorate per il personale colpito dalla carenza di chip. Lo stato rimborsa al gruppo una porzione delle ore perse, permettendo ai lavoratori di ricevere buona parte del loro salario a patto che siano riaddestrati e non licenziati.

Dopo un meeting mensile periodico con il management, i rappresentanti sindacali hanno detto che troppi dipendenti sono stati messi in cassa integrazione.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in Redazione a Milano Sabina Suzzi, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli