Italia markets close in 6 hours 40 minutes
  • FTSE MIB

    23.847,35
    -247,65 (-1,03%)
     
  • Dow Jones

    31.261,90
    +8,80 (+0,03%)
     
  • Nasdaq

    11.354,62
    -33,88 (-0,30%)
     
  • Nikkei 225

    27.001,52
    +262,49 (+0,98%)
     
  • Petrolio

    110,72
    +0,44 (+0,40%)
     
  • BTC-EUR

    28.526,70
    +548,76 (+1,96%)
     
  • CMC Crypto 200

    678,70
    +5,32 (+0,79%)
     
  • Oro

    1.859,50
    +17,40 (+0,94%)
     
  • EUR/USD

    1,0633
    +0,0071 (+0,67%)
     
  • S&P 500

    3.901,36
    +0,57 (+0,01%)
     
  • HANG SENG

    20.470,06
    -247,18 (-1,19%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.667,11
    +10,08 (+0,28%)
     
  • EUR/GBP

    0,8467
    +0,0012 (+0,15%)
     
  • EUR/CHF

    1,0318
    +0,0030 (+0,29%)
     
  • EUR/CAD

    1,3604
    +0,0048 (+0,35%)
     

Stellantis, Tavares: crisi chip prosegue, migliorerà in 2023

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 29 apr. (askanews) - La crisi dei chip migliorerà solo nel 2023, per quest'anno Stellantis non vede cambiamenti significativi, anche se qualche produttore sta dimostrando di saper gestire meglio di altri scorte e produzione, garantendo forniture al gruppo. Il ceo Carlos Tavares fa il punto sul chip shortage che sta colpendo il settore auto a Como alla presentazione stampa del Tonale, il suv che segna il debutto di Alfa Romeo nell'elettrificazione. "C'è qualche segnale di miglioramento con alcuni fornitori, ma la situazione rimane simile al 2021. Non vedo miglioramenti significativi. La crisi migliorerà nel 2023".

All'incertezza sulle forniture, si è aggiunta la guerra in Ucraina che avrà ricadute su crescita economica, inflazione e materie prime. Ma anche e soprattutto sull'energia. Un tema su cui l'Europa "rischia di dividersi in due" con alcuni paesi che punteranno sulle rinnovabili, come Italia e Portogallo, e altri su fonti diverse come la Francia con il nucleare.

"Abbiamo posto il tema a governi e istituzioni 7 anni fa, ma non siamo stati ascoltati. La nostra credibilità era compromessa a causa dello scandalo emissioni. Abbiamo cercato di spiegare che il problema non era fare auto elettriche, che infatti oggi ci sono, ma lo sviluppo delle fonti rinnovabili. E ora il mondo occidentale si chiede da dove arriverà l'energia", ha detto Tavares.

Riguardo invece il rilancio di Alfa Romeo che con il Tonale avrà 3 modelli in gamma, Tavares ha ricordato che "in 12 mesi il brand è tornato profittevole, il business doveva essere aggiustato e lo abbiamo fatto, ma c'è ancora spazio per migliorare". Alfa Romeo è la "dimostrazione che possiamo combinare passione, emozione e rigore e avere un business profittevole", ha aggiunto Tavares. Stesso discorso vale per gli altri brand italiani. "Ho deciso di dare a tutti i brand una chance al 2030. I piani di rilancio con i nuovi modelli sono stati approvati e saranno finanziati con i profitti che conto di generare ogni anno". "Senza Stellantis, Alfa Romeo non sarebbe sopravvissuta", ha detto il Ceo del brand, Jean-Philippe Imparato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli