Italia Markets closed

STM crolla con alert Apple. Cosa aspettarsi ora secondo i broker

Davide Pantaleo
 

Il nuovo anno è partito con il piede decisamente sbagliato per STM (Shenzhen: 000892.SZ - notizie) che, dopo aver ceduto quasi un punto percentuale ieri, mostrando una maggiore debolezza rispetto al mercato, sta vivendo una seduta letteralmente da incubo oggi. Il titolo, che occupa l'ultima posizione nel paniere delle blue chips, accusa un crollo verticale sulla scia delle cattive notizie arrivate dagli Usa.

STM a testa in giù sui minimi da 2 anni con forti volumi di scambio

Negli ultimi minuti STM viene fotografato a 11,01 euro, con un affondo del 9,27% alimentato da volumi di scambio molto vivaci. Fino a questo momento sono transitate sul mercato oltre 8 milioni di azioni, già al di sopra della media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a poco meno di 5 milioni di pezzi.

STM si riporta così sui minimi da circa due anni, visto che i valori attuali non si vedevano dal mese di gennaio del 2017. A scatenare la furia ribassista sul titolo sono le indicazioni negative arrivate dall'opposta sponda dell'Atlantico e in particolare da Apple (NasdaqGS: AAPL - notizie) che ieri nell'after-hours è arrivato a perdere quasi l'8%.

Apple: profit warning sui ricavi. Pesa frenata economica in Cina

La società di Cupertino ha rivisto al ribasso la guidance sulle vendite del primo trimestre dell'esercizio fiscale 2019, conclusosi lo scorso 29 dicembre.

In attesa dei dati ufficiali che saranno diffusi dal gruppo il 29 gennaio, il CEO di Apple, Tim Cook, ha inviato agli investitori una lettera, nella quale ha fatto sapere che la società da lui guidata prevede per il primo trimestre dell'esercizio in corso un fatturato di circa 84 miliardi di dollari, rispetto all'indicazione fornita in precedenza che parlava di un risultato in un range compreso tra 89 e 93 miliardi di dollari.

La nuova stima è ancor più lontana dalle attese della comunità finanziaria che punta su un giro d'affari superiore a 91 miliardi di dollari.
Il CEO di Apple ha spiegato che la revisione delle stime è da imputare principalmente alla frenata economica in Cina, dichiarando che la maggior parte dei mancati ricavi è da attribuire alle vendite di iPhone, Mac e iPad nel Paese asiatico.

Nella lettera inviata agli investitori si legge infatti che "Il clima di crescente incertezza che ha pesato sui mercati finanziari ha avuto effetti che sembrano aver raggiunto anche i consumatori, con il traffico verso i nostri negozi al dettaglio e i nostri partner distributivi in Cina in calo con il progredire del trimestre".

Non ha aiutato peraltro il rialzo del dollaro che ha avuto un impatto negativo del 2% sulla flessione delle vendite negli ultimi tre mesi del 2018, con i consumatori che hanno deciso di mantenere più a lungo i loro modelli più vecchi.

Vorresti capire in che modo muoverti su un titolo in caduta libera come STM?

Iscriviti da qui  per rimanere sempre aggiornato sugli eventi di formazione gratuita di  Trend-Online.com

Bca Akros: segnale molto negativo per l'intero settore dei chip

Gli analisti di Banca Akros fanno notare che qualche segnale di debolezza si era avuto già nelle scorse settimane, con le indiscrezioni di una performance poco brillante per i nuovi modelli di iPhone e con le segnalazioni di ordini deboli ai principali fornitori Apple.

Non stupisce che STM risenta pesantemente del profit warning lanciato dalla società Usa che è un cliente chiave per il gruppo italo-francese. Secondo STM la revisione della guidance da parte di Apple (Swiss: AAPL-EUR.SW - notizie) è un segnale molto negativo per l'industria dei semiconduttori nel suo complesso, considerando che la società di Cupertino cita diversi problemi alla base del suo alert, sia specifici del gruppo che determinati da fattori macro.

L'impatto atteso su STM

Banca Akros ricorda che Apple è cliente chiave per STM, visto che nel 2017 ha pesato per il 10,5% dei ricavi, di conseguenza la notizia arrivata nelle ultime ore dagli Usa è veramente negativa.

Gli analisti spiegano che il profit warning di Apple può pesar anche più di 100 punti base sulla crescita anno su anno di STM nel quarto trimestre del 2018, aggiungendo che problemi più grandi per il settore potrebbero portare ad ulteriori aggiustamenti nell'anno in corso.

Con riferimento agli ultimi tre mesi del 2018 Banca Akros si aspetta dalla società italo-francese ricavi in aumento da 8,347 a 9,651 miliardi di dollari, un utile netto in miglioramento da 802 milioni a 1,119 miliardi di dollari, a fronte di un'Ebitda in crescita da 1,831 a 2,048 miliardi.

Intanto gli analisti, malgrado il profit warning di Apple, non cambiano la loro strategia su STM, per il quale viene confermata la raccomandazione "buy", con un prezzo obiettivo a 23 euro.

Equita: cattive notizie da Apple, ma STM resta buy

Lo stesso rating "buy" è stato reiterato da Equita SIM, con un target price a 20 euro, malgrado gli analisti considerino la notizia arrivata da Apple negativa per tutta la supply chain, inclusa STM.

Gli analisti stimano che il gruppo Usa pesi sulla società italo-francese il 13% dei ricavi e l'impatto legato al profit warning di ieri è circa l'1% delle vendite. La SIM milanese non esclude però che nel primo trimestre di quest'anno possa esserci un effetto amplificatore legato al destocking. 

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online