Italia Markets closed

Storia della collana di perle indossata da Kamala Harris all'inauguration day

Di Redazione
·1 minuto per la lettura
Photo credit: Tasos Katopodis - Getty Images
Photo credit: Tasos Katopodis - Getty Images

From Harper's BAZAAR

Da quelle finte di Barbara Bush a quelle made to measure di Kamala Harris, le perle sono da tempo inquiline della Casa Bianca. Indossate al collo delle first lady, indossate al collo della nuova vicepresidente americana Harris ieri, durante il suo giuramento. Non era la prima volta, che Kamala Harris veniva fotografata con un collier di perle al collo. Tuttavia quelle di ieri sembrano essere state uno tra i suoi manifesti, espressi attraverso abbigliamento e accessori, più rilevanti. La collana di perle della signora Harris è stata confezionata su misura, dal designer statunitense d'origine portoricana Wilfred Rosado. Basato a New York, un protegé di Andy Warhol, Rosado ha pensato per la vicepresidente alle perle provenienti dall'Australia, più precisamente dalle acque remote di Kimberly.

Con le dodici perle legate tra loro da una catena ellittica in oro, simbolo delle conquiste raggiunte dalla Harris, e da undici diamanti a taglio brillante la collana è, come sottolineato dal designer a Vogue US: "Una rappresentazione di Kamala stessa, degli americani, delle donne, delle persone di colore, del mondo".

Photo credit: Pool - Getty Images
Photo credit: Pool - Getty Images

Per Kamala Harris le perle hanno un grande valore: la vicepresidente infatti le ha indossate in svariate occasioni durante la campagna presidenziale, sempre in omaggio all'associazione studentesca femminile Alpha Kappa Alpha, della quale fece parte durante gli anni del college alla Howard University. Sempre secondo quanto dichiarato dal designer, la collana creata per l'inauguration day rappresenta la forza, la femminilità e la resilienza, tutte caratteristiche proprie della vicepresidente.

Luminosa sopra il completo viola brillante firmato Christopher John Rogers, la collana di perle di Kamala Harris è già diventata un marchio di fabbrica, un tratto distintivo della vicepresidente, capace di mandare un messaggio chiaro. Anche questa volta, un accessorio è molto più che un semplice vezzo.