Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.364,96
    +99,59 (+0,29%)
     
  • Nasdaq

    13.855,13
    +86,21 (+0,63%)
     
  • Nikkei 225

    27.588,37
    +66,11 (+0,24%)
     
  • EUR/USD

    1,1324
    -0,0031 (-0,27%)
     
  • BTC-EUR

    32.854,63
    +1.466,50 (+4,67%)
     
  • CMC Crypto 200

    846,86
    +36,26 (+4,47%)
     
  • HANG SENG

    24.656,46
    -309,09 (-1,24%)
     
  • S&P 500

    4.410,31
    +12,37 (+0,28%)
     

Straniante debutto del ministro Lindner: "Riforme greche modello per la Germania"

·4 minuto per la lettura
05 December 2021, Berlin: Christian Lindner, party leader of the FDP, and designated finance minister, photographed at the party convention of the FDP. Photo: Michael Kappeler/dpa (Photo by Michael Kappeler/picture alliance via Getty Images) (Photo: picture alliance via Getty Images)
05 December 2021, Berlin: Christian Lindner, party leader of the FDP, and designated finance minister, photographed at the party convention of the FDP. Photo: Michael Kappeler/dpa (Photo by Michael Kappeler/picture alliance via Getty Images) (Photo: picture alliance via Getty Images)

Le riforme attuate dalla Grecia ai tempi della crisi? Sono un modello che anche la Germania potrebbe presto seguire. Parola del neoministro delle Finanze Christian Lindner: Atene è riuscita “con impressionanti misure” a riformare il paese e questo “dovrebbe proprio fare da spinta a noi in Germania” nelle questioni interne, ha detto il ministro designato rispondendo alla domanda di un giornalista greco sui timori del Sud Europa sullo scenario di una linea rigorista del Governo tedesco nell’eurozona. “Sono felice di incontrare presto il primo ministro e il collega delle Finanze ad Atene”, ha rassicurato il capo dei liberali tedeschi. Sempre Lindner, il più temuto nella nuova compagine del governo federale vista la sua reputazione - meritata sul campo - di falco dell’austerità, ha poi parlato degli alti livelli di debito nell’Ue: “L’indebitamento nell’eurozona a causa della pandemia si è alzato molto”. E per questo il governo tedesco interverrà nel dibattito sulla riforma delle regoli fiscali europee avendo come visione di fondo quella di “legare” la necessità della “stabilità alla crescita e a agli investimenti”.

A due mesi e mezzo dalle elezioni federali, i leader di Spd, Verdi ed Fdp hanno firmato ufficialmente il contratto di coalizione che farà da base al governo ‘semaforo’ in Germania. “Ora è il momento delle azioni”, ha detto il capo dei liberali che prenderà il posto dello stesso Scholz come ministro alle Finanze. Il documento lungo ben 177 pagine dal titolo “Osare più progresso” è stato sottoscritto in una breve cerimonia al centro congresso Futurium di Berlino. Per domani al Bundestag è prevista l’elezione di Scholz a cancelliere e l’insediamento del nuovo esecutivo.

Sono tuttavia le parole sul modello Atene pronunciate da Lindner che hanno fatto aggrottare qualche sopracciglio. Un po’ perché fu lo stesso Lindner ad accarezzare l’idea, in un tempo non così lontano, di cacciare la Grecia dalla moneta unica: “L’Europa unita uscirebbe rafforzata se un membro cronicamente malato lasciasse la zona euro almeno temporaneamente”. Sono bastati quattro anni, a quanto pare, a far cambiare idea al leader liberale. Tuttavia le sue parole rischiano di far preoccupare anche i tedeschi che di certo non invidiano i greci per il trattamento ricevuto dai vari governi che si sono succeduti negli anni della crisi. Una crisi così lunga dalla quale il Paese non si è mai più ripreso, anche a causa delle massicce dosi di austerità inflitte dal Meccanismo Europeo di Stabilità e dalla Commissione Ue. Quelle ricette oggi sono state sconfessate quasi unanimemente, anche dallo stesso Mes.

A giugno di un anno fa, infatti, una valutazione “indipendente” condotta per il fondo di diritto lussemburghese guidato dal tedesco Klaus Regling decretava il fallimento delle politiche d’austerità che lo stesso Mes aveva contribuito attivamente a imporre ad Atene, pena la chiusura dei rubinetti. Una crescita economica mancata, un settore finanziario rimasto fragile, le diseguaglianze sopra la media dell’Eurozona con povertà e disoccupazione oltre i livelli di guardia, un forte calo degli investimenti privati, fuga di cervelli, l’aumento del sommerso. Tutto scritto nel dossier commissionato dal Mes e redatto da un team guidato da Joaquin Almunia, ex Commissario Ue agli Affari economici e alla Concorrenza, che ad Atene non ricordano certo per la tenerezza negli anni della crisi (pretendeva che il Governo portasse il suo deficit dal 12% al 2% in soli tre anni).

Nel frattempo, dopo 204 miliardi di prestiti contratti e da ripagare fino al 2060, tre programmi di aggiustamento macroeconomico e vincoli ad avanzi primari del 2,2% per i prossimi quarant’anni, la situazione della Grecia non è migliorata. Oggi l’indicatore chiave utilizzato per valutare l’attendibilità finanziaria di un Paese, il rapporto tra il debito e Pil, è il più esorbitante d’Europa: 206%. A contribuire al rialzo nell’ultimo anno è stata ovviamente la pandemia, ma il rapporto non è mai calato e anzi è via via aumentato durante le implementazioni dei pacchetti di riforme chiesti dalla Troika. Nel 2009 era del 126% ma era in parte frutto di un’opera di falsificazione dei dati di bilancio che, una volta scoperta, diede la stura alla crisi. Nel pieno della crisi Atene ha pagato con un terzo del Pil, un tasso di disoccupazione salito fino al 28% per poi scendere al 14% odierno, quella giovanile che a cavallo tra il 2012 e il 2013 ha sfondato quota 50% e oggi resta su livelli altissimi (30% a ottobre). Se nel 2008 i cittadini greci producevano un Pil di 315 miliardi, oggi il Prodotto interno lordo è sceso a 170 miliardi, perdendo così in poco più di dieci anni poco meno della metà della ‘ricchezza’ prodotta. Il calo più brusco a partire dal 2012, per poi scendere costantemente. E poi nel corso degli anni: costante crescita della pressione fiscale, perdita di potere d’acquisto, tagli agli assegni pensionistici, 500mila giovani andati all’estero per lavoro.

Una lunga serie di sacrifici per arrivare all’obiettivo di consolidamento fiscale, forse insufficienti: “Il consolidamento fiscale ha minato la crescita necessaria per ridurre significativamente il rapporto debito / Pil. La crescita futura moderata, gli squilibri fiscali e gli aumenti dei tassi di interesse potrebbero ancora rappresentare un rischio per la sostenibilità del debito a lungo termine”. Chi lo ha detto? Gli artefici della terapia greca.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli