• FTSE MIB

    22.534,57
    -451,13 (-1,96%)
     
  • Dow Jones

    33.706,74
    -292,30 (-0,86%)
     
  • Nasdaq

    12.705,21
    -260,13 (-2,01%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,33
    -11,81 (-0,04%)
     
  • Petrolio

    89,91
    -0,59 (-0,65%)
     
  • BTC-EUR

    20.807,74
    -2.492,98 (-10,70%)
     
  • CMC Crypto 200

    504,88
    -36,72 (-6,78%)
     
  • Oro

    1.760,30
    -10,90 (-0,62%)
     
  • EUR/USD

    1,0044
    -0,0048 (-0,47%)
     
  • S&P 500

    4.228,48
    -55,26 (-1,29%)
     
  • HANG SENG

    19.773,03
    +9,12 (+0,05%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.730,32
    -47,06 (-1,25%)
     
  • EUR/GBP

    0,8484
    +0,0030 (+0,36%)
     
  • EUR/CHF

    0,9622
    -0,0026 (-0,27%)
     
  • EUR/CAD

    1,3036
    -0,0024 (-0,19%)
     

Stretta al contante, dal 1° gennaio cambia tutto

·2 minuto per la lettura

Novità in vista a partire dal 1° gennaio 2022 quando la stretta sui pagamenti in contante abbasserà il tetto dagli attuali duemila a mille euro.

I nuovi paletti per i pagamenti in contante sono quelli previsti dal decreto fiscale dell'estate del 2020 durante il governo Conte-bis che fissava un decalage con una soglia a duemila euro a partire dal luglio di un anno e mezzo fa e la promessa di scendere ancora, a mille euro appunto, dal primo gennaio 2022.

Con l'anno nuovo dunque si tornerà al livello fissato nel lontano 2011 dal decreto Salva Italia e poi cambiato a partire dal 2016. E' una misura che punta a rafforzare la lotta al nero e la strategia cashless: una strada alla quale guarda la stretta approvata durante l'esame parlamentare del decreto legge Recovery e che prevede che negozianti e professionisti siano tenuti a accettate il bancomat o le carte di credito come forme di pagamento, di qualsiasi importo si tratti. Chi dovesse rifiutarsi incapperà in una multa: si partirà da 30 euro, somma a cui si aggiungerà una percentuale in base al valore del prodotto o del servizio acquistato.

Confermate tutte le misure più importanti della legge di bilancio del governo Draghi: la nuova Irpef a 4 aliquote (23%, 25%, 35%, 43%) e il restyling delle detrazioni con una clausola salva-bonus Irpef per i redditi bassi, l'addio all'Irap per 835mila autonomi, il pacchetto contro il caro energia, che comprende la possibilità di spalmare in 10 rate le bollette.

Rinnovati poi tutti i bonus casa, da quello mobili a quello idrico, e soprattutto allargato il 110%. Modifiche all'ultimo sono arrivate per i lavoratori dello spettacolo: la dote in loro favore che il Parlamento voleva portare nel 2022 da 20 a 70 milioni scende, dopo i rilievi della Ragioneria, a 40 milioni. Altrettanti ne sono previsti l'anno successivo. Ma non è l'unico paletto fissato dai guardiani dei conti pubblici: la riduzione dell'accisa sulla birra viene limitata al prossimo anno (si passerà dagli attuali 2,99 euro per ettolitro e per grado-Plato a 2,94) e si restringe ai soli dipendenti del settore privato l'indennizzo da mille euro per i lavoratori fragili che hanno visto interrompere l'erogazione dell'indennità dall'Inps, dopo essere stati messi in malattia perché impossibilitati a lavorare in smart working.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli