Italia markets open in 4 hours 13 minutes
  • Dow Jones

    33.309,51
    +535,11 (+1,63%)
     
  • Nasdaq

    12.854,80
    +360,88 (+2,89%)
     
  • Nikkei 225

    27.819,33
    -180,63 (-0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,0286
    -0,0016 (-0,15%)
     
  • BTC-EUR

    23.655,34
    +1.278,21 (+5,71%)
     
  • CMC Crypto 200

    573,44
    +42,22 (+7,95%)
     
  • HANG SENG

    19.856,60
    +245,76 (+1,25%)
     
  • S&P 500

    4.210,24
    +87,77 (+2,13%)
     

Studenti di Harvard creano "Airbnb" gratuito per rifugiati ucraini: di cosa si tratta

·2 minuto per la lettura
Studenti di Harvard creano
Studenti di Harvard creano "Airbnb" gratuito per rifugiati ucraini: di cosa si tratta. In foto: Avi Schiffmann (Instagram)

Due studenti dell'Università di Harvard hanno creato un sito web in cui i rifugiati ucraini hanno la possibilità di trovare alloggi gratuiti e sicuri dalla guerra in tutto il mondo. Il sito si chiama "UkraineTake Shelter" ed il suo funzionamento non è molto diverso da quello di Airbnb o Couch Surfing: è una piattaforma indipendente che mette in contatto chi fugge dalla guerra in Ucraina con volontari disposti a ospitarli.

I due founder sono Avi Schiffmann, 19 anni, che ha avuto l'idea dopo aver partecipato ad una manifestazione per la pace nel Paese a San Diego dove ha avuto l'occasione di parlare con tantissimi americani di origine ucraina, e il suo compagno di università Marco Burstein. Hanno lavorato giorno e notte per realizzare "Ukraine Take Shelter", lanciato lo scorso 3 marzo. In solo una settimana, la piattaforma ha raccolto oltre 4.000 offerte di alloggio.

VIDEO - Budapest, un grande centro per i rifugiati ucraini. Arrivate oltre 290 mila persone

Intervistato dalla Cnn, Schiffmann ha spiegato che gli ucraini "hanno bisogno di assistenza, subito e su larga scala", ha detto il 19enne Schiffmann alla Cnn. Il sito di "Ukraine Take Shelter", si legge sulla testata americana, è semplice da utilizzare: i profughi selezionano una città, consultano l'elenco degli alloggi disponibili, dopodiché selezionano il numero di telefono o l'email dell'ospite per mettersi in contatto.

Non è il primo progetto simile realizzato da Schiffmann, che durante il primo lockdown della pandemia aveva creato un sito per monitorare l'impatto del coronavirus."La vedo così: quasi tutti hanno uno smartphone e una connessione a internet - ha detto lo studente di Harvard - C'è sempre qualcosa che accade in tutto il mondo, un terremoto, una guerra, una pandemia, e c'è sempre un modo per usare la tecnologia per migliorare la vita delle persone in queste crisi umanitarie".

VIDEO - Guerra in Ucraina: 50.000 rifugiati sono già arrivati in Italia

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli