Italia Markets close in 4 hrs 32 mins

Studio ha rilevato come a causa del Coronavirus siano aumentate le malattie dentali

·2 minuto per la lettura
Covid, aumentano problemi ai denti
Covid, aumentano problemi ai denti

La pandemia dovuta al Covid ha fatto aumentare anche i problemi ai denti. Lo ha rilevato uno studio condotto dai dentisti della Società Italiana di Parodontologia e Implantologia (SIdP). L’epidemia – asseriscono – con l’aumento di ansia e stress anche legate a distanziamento sociale e lavoro a distanza, potrebbe insidiare il sorriso. Sarebbe infatti scoppiato il boom di bite per ansia e stress da Covid. Si registra inoltre un 30% di richieste in più di questi apparecchi ortodontici per bruxismo (il digrignamento dei denti durante il sonno) con casi di questo disturbo aumentati del 36%. infine, si rileva un incremento del 120% (più del doppio) rispetto al 2019 delle fratture dentali e un sensibile aumento delle carie (+18%).

Covid, più problemi ai denti

I dati arrivano dagli Usa, “ma il trend di un aumento di bruxismo e richieste di bite, è stimabile anche in Italia”, rileva Luca Landi, presidente SIdP. “Dopo il lockdown abbiamo registrato un peggioramento delle condizioni orali e parodontali e la complicanza delle fratture dentali è fra quelle più frequentemente riscontrate -. Il problema, oltre alla mancanza di visite di controllo e alla scarsa igiene orale, è riconducibile anche alla maggiore ansia determinata dal distanziamento sociale. Molte persone infatti tendono a somatizzare il disagio e lo stress a livello del cavo orale, con comportamenti come il bruxismo o il serramento dei denti che a lungo andare possono deteriorare la superficie dentale e causare fratture, dolore alla mascella, sensibilità dentale, emicrania e aumento della mobilità dei denti nei pazienti con parodontite più grave”.

E ancora: “Anche in Italia sembrano aumentate, rispetto allo scorso anno, le fratture dentali e le complicanze parodontali. Uno dei rimedi più consigliati è il bite: paradenti che evita che i denti si consumino”. “Il bruxismo – spiega – non è un problema trascurabile: in condizioni normali i denti si toccano solo quando si mastica o si deglutisce; normalmente, quindi, i denti vengono in contatto non più di 20 minuti al giorno, nel bruxismo i denti sono in contatto anche 6-8 ore su 24, il che significa che in termini di consumo di denti una settimana come bruxista equivale a circa 4 mesi di un individuo senza disturbo. Ovviamente nei casi più gravi”. Alla scoperta di un vaccino, dunque, avremo un secondo motivo per sorridere.