Italia markets open in 2 hours 43 minutes
  • Dow Jones

    35.754,75
    +35,32 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    15.786,99
    +100,07 (+0,64%)
     
  • Nikkei 225

    28.782,33
    -78,29 (-0,27%)
     
  • EUR/USD

    1,1337
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • BTC-EUR

    43.978,98
    -799,53 (-1,79%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.304,85
    -0,26 (-0,02%)
     
  • HANG SENG

    24.196,40
    +199,53 (+0,83%)
     
  • S&P 500

    4.701,21
    +14,46 (+0,31%)
     

Sugar tax, Assobibe: "inutile e costosa, la pensano così 6 italiani su 10"

·1 minuto per la lettura

La Sugar tax, prevista in Italia dal 2023, per aranciate, chinotto, aperitivi analcolici e più in generale per tutte le bevande analcoliche, è inutile per la salute e dannosa per le tasche dei consumatori. In particolare, il 60% dei consumatori è per nulla o poco d’accordo con questo provvedimento perché lo ritiene inutile ed un’ennesima imposta a danno soprattutto delle categorie più povere. A rilevarlo è un'indagine condotta da Nomisma per conto di Assobibe, l'associazione di Confindustria che rappresenta i produttori di bevande analcoliche.

"Ancora più evidente il dissenso degli italiani quando scoprono che la tassa colpisce anche le bevande analcoliche senza zucchero: in questo caso la percentuale dei contrari o poco favorevoli sale all’83%" commenta Giangiacomo Pierini, presidente Assobibe. L'imposta si applica alle bevande caratterizzate dal gusto dolce, siano esse con e senza zucchero, ed è pari a 10 euro ad ettolitro di bevanda che grava sui produttori.

Ma i prezzi al consumo subiranno inevitabilmente aumenti, secondo le stime di Nomisma l’introduzione della tassa comporterà un aumento medio del 13% per le aranciate, dell’11% per chinotti, sode, limonate e aperitivi analcolici solo per citarne alcuni" afferma il presidente di Assobibe Giangiacomo Pierini commentando la ricerca. Dalla ricerca risulta inoltre che "solo il 4% dei consumatori è disposto a pagare l'aumento dei prezzi e la stragrande maggioranza dei consumatori è contraria alla sugar tax".

Non convincono le finalità dell’imposta: secondo gli intervistati, infatti, la Sugar tax non porterà ad una riduzione significativa dei consumi di bibite analcoliche visto che per il 76% non favorirà la riduzione dell’obesità tra i giovani né faciliterà una corretta alimentazione. Va ricordato, infatti, che le bevande analcoliche sono responsabili solo dell’1% dell’apporto di zucchero assunto quotidianamente.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli