Italia markets open in 2 hours 34 minutes
  • Dow Jones

    33.745,40
    -55,20 (-0,16%)
     
  • Nasdaq

    13.850,00
    -50,20 (-0,36%)
     
  • Nikkei 225

    29.840,92
    +302,19 (+1,02%)
     
  • EUR/USD

    1,1895
    -0,0023 (-0,19%)
     
  • BTC-EUR

    50.831,18
    +116,04 (+0,23%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.291,71
    -2,87 (-0,22%)
     
  • HANG SENG

    28.727,53
    +274,25 (+0,96%)
     
  • S&P 500

    4.127,99
    -0,81 (-0,02%)
     

Sui vaccini Matteo Salvini fa l'indiano

Federica Fantozzi
·Giornalista
·1 minuto per la lettura
Matteo Salvini (Photo: Ansa)
Matteo Salvini (Photo: Ansa)

Nello stesso giorno in cui il ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti - già reduce da colloqui con virologi e Farmindustria - incontra l’eurocommissario al Mercato Interno e capo della task force sui vaccini Thierry Breton, il leader leghista Matteo Salvini vede l’ambasciatrice indiana in Italia Neena Malhotra. Identico tema: come vaccinare più cittadini possibile nel minor tempo necessario.

Da un lato si parla di strategie comuni: velocizzare la campagna dell’Ue, gestire il trasferimento tecnologico dei brevetti, avviare la produzione italiana dei vaccini che esula dall’emergenza poiché richiederà parecchi mesi ma punta a renderci parzialmente “autosufficienti”, valutare la disponibilità delle aziende farmaceutiche. Segue conferenza stampa al ministero. Dall’altro lato si parla di un corridoio bilaterale tra Roma e Nuova Delhi. Segue post su Facebook: “L’India ha offerto collaborazione all’Italia, mettendo a disposizione supporto tecnologico, dosi del vaccino AstraZeneca prodotto in India, oltre a un altro siero che ha dato risultati confortanti anche contro le varianti”. Del resto: “47 Stati hanno già ricevuto il vaccino indiano. Ho espresso grande interesse e chiesto documentazione per approfondire il tema, riservandomi di parlarne direttamente a Draghi”. Quando il premier avrà un momento libero, si immagina, tra Ursula von der Leyen il generale Figliuolo, il ministro Speranza e lo stesso Giorgetti.

L’inarrestabile Salvini punta al bis della strategia applicata durante il Conte Uno, quando raddoppiò i consensi del suo partito “governando dal Viminale”. Nel 2018 cavalcava il tema degli sbarchi di migranti, nel 2021 quello dei ritardi sui vaccini. Una vera e propria diplomazia parallela: Russia, San Marino, India. “Da me un contributo costruttivo di relazioni e alleanze&r...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.