Italia markets open in 3 hours 53 minutes
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    +396,48 (+3,01%)
     
  • Nikkei 225

    29.435,73
    -227,77 (-0,77%)
     
  • EUR/USD

    1,2029
    -0,0030 (-0,25%)
     
  • BTC-EUR

    40.867,57
    +1.835,25 (+4,70%)
     
  • CMC Crypto 200

    985,01
    +56,78 (+6,12%)
     
  • HANG SENG

    29.237,42
    -215,15 (-0,73%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     

Sulle Borse europee torna il nervosismo, a Piazza Affari si segue la crisi di governo

Matia Venini
·2 minuto per la lettura
Sulle Borse europee torna il nervosismo, a Piazza Affari si segue la crisi di governo
Sulle Borse europee torna il nervosismo, a Piazza Affari si segue la crisi di governo

Preoccupa l’incertezza sulla campagna di vaccinazione mentre i contagi globali superano quota 100 milioni. Negli Stati Uniti, attesa per il primo meeting della Fed dell’era Biden

Partenza nervosa per le Borse europee, sulla scia dell’incertezza sulla campagna di vaccinazione e dei contagi che hanno superato quota 100 milioni in tutto il mondo. I listini del Vecchio Continente aprono tutti in contenuto ribasso, con Piazza Affari che ha iniziato le contrattazioni perdendo lo 0,15%, per poi cedere lo 0,4% dopo pochi minuti.

LA CRISI DI GOVERNO

La Borsa di Milano sembra non accusare per ora la crisi di governo in atto. Dopo aver rassegnato le dimissioni, Giuseppe Conte ha auspicato la formazione di un governo sostenuto da una maggioranza più ampia e sicura, “un esecutivo di salvezza nazionale che abbia una fronte impronta europeista”. Oggi inizia la tre giorni di consultazioni del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ascolterà le diverse anime del Parlamento per cercare di mettere fine alla crisi istituzionale. Lo spread scende a quota 117 punti base, ma i rendimenti sono destinati a salire nel collocamento odierno di Bot a sei mesi.

LE PREVISIONI DEL FMI

Nel suo ultimo World Economic Outlook, il Fondo monetario internazionale ha rivisto la proiezione di crescita globale per il 2021 al 5,5%, in aumento di 0,3 punti percentuali rispetto alle previsioni di ottobre. C’è infatti ottimismo sulla campagna di vaccinazione, nonostante i ritardi nella distribuzione annunciati dalle aziende produttrici.

ATTESA PER IL MEETING DELLA FED

Negli Stati Uniti, gli investitori cominciano a essere preoccupati per le difficoltà nell'approvazione del piano di stimoli da 1.900 miliardi di dollari annunciato dal Presidente Joe Biden. Wall Street attende oggi i trimestrali di Apple, Tesla e Facebook e l’esito della riunione della Federal Reserve, il primo della nuova amministrazione Democratica. I future USA registrano tutti lievi ribassi, tranne il Nasdaq, in leggero rialzo grazie agli ottimi risultati degli ultimi quattro mesi del 2020 riportati da Microsoft.

SI RIALZANO I LISTINI ASIATICI

Rialzano la testa i listini asiatici, dopo l’uscita dei dati sui profitti delle società industriali cinesi: +4.1% nel 2020, addirittura +20,1% a dicembre. Il Nikkei ha chiuso le contrattazioni a +0,31%, Shanghai ha registrato un rialzo dello 0,11%, mentre la Borsa di Hong Kong è in leggero ribasso. Gli investitori attendono il meeting di oggi della Federal Reserve, dopo che all’inaugurazione del World Economic Forum di Davos il presidente cinese Xi Jinping aveva invocato il multilateralismo come unica via di uscita dalla crisi globale.

EURO POCO MOSSO

Quotazioni del petrolio in rialzo questa mattina sui mercati internazionali. Il greggio Wti guadagna lo 0,7% a 52,98 dollari al barile, mentre il Brent segna +0,68% a 56,29 dollari. Euro poco mosso in avvio di giornata: la moneta unica europea viene scambiata a 1,2160 dollari.