Italia markets open in 7 hours 41 minutes
  • Dow Jones

    30.960,00
    -36,98 (-0,12%)
     
  • Nasdaq

    13.635,99
    +92,93 (+0,69%)
     
  • Nikkei 225

    28.822,29
    0,00 (0,00%)
     
  • EUR/USD

    1,2142
    -0,0003 (-0,02%)
     
  • BTC-EUR

    26.810,15
    +373,22 (+1,41%)
     
  • CMC Crypto 200

    653,79
    -23,11 (-3,41%)
     
  • HANG SENG

    30.159,01
    +711,16 (+2,41%)
     
  • S&P 500

    3.855,36
    +13,89 (+0,36%)
     

Sulle Borse europee torna la cautela

Fabrizio Arnhold
·2 minuto per la lettura
Sulle Borse europee torna la cautela
Sulle Borse europee torna la cautela

Avvio all’insegna della prudenza per i listini del Vecchio Continente che provano a chiudere l’anno sui massimi, grazie ai vaccini e al piano di aiuti Usa. Tonico il petrolio, spread poco mosso

Le Borse europee aprono caute ma si avviano a chiudere l’anno sui massimi, spinte dall’ottimismo per l’inizio della campagna vaccinale e dal maxi piano di aiuti Usa. Milano in apertura segna +0,15%, Francoforte +0,06%, Parigi -0,05%, Madrid -0,03% e Londra +0,12%. Su livelli record anche le Borse asiatiche, a Tokyo l’indice Nikkei ha chiuso in lieve calo (-0,45%) ma vicino al top da 30 anni e in positivo del +16% da inizio anno.

IL VACCINO ASTRAZENECA APPROVATO IN UK

Gli asset più rischiosi beneficiano della spinta dell’inizio della campagna di vaccinazione, con gli investitori che scommettono su un 2021 all’insegna della ripresa. Negli Stati Uniti, il virologo Fauci ha detto che i contagi sono fuori controllo, in Germania per la prima volta il numero di decessi supera quota mille in un giorno. In Gran Bretagna è stato approvato il vaccino AstraZeneca, si attende il via libera da parte dell’Ema nei primi giorno di gennaio.

IL PIANO DI AIUTI USA

In questi ultimi giorni dell’anno, a mantenere positivo il sentiment degli operatori, oltre all’accordo trovato in extremis per una soft Brexit, c’è il piano di aiuti fiscali da 900 miliardi di dollari approvato dal Congresso Usa e firmato da presidente Trump. Il nuovo pacchetto di aiuti prevede un assegno da 600 dollari, con la possibilità che possa arrivare a 2mila dollari, per adulti e bambini di famiglie con un reddito lordo entro i 75mila dollari.

DOLLARO SOTTO PRESSIONE, TONICO IL PETROLIO

Sul fronte valutario, il dollaro si conferma sotto pressione con l’euro a 1,2285 mentre le quotazioni del greggio si apprestano a chiudere l’anno in rialzo: il Brent è in crescita dello 0,63%, a 51,41 dollari, mentre il Wti è scambiato a 48,4 dollari al barile (+0,83%). Lo spread in avvio di scambi si attesta a 112 punti base, in calo di un punto dal precedente closing.