Italia markets close in 3 hours 49 minutes
  • FTSE MIB

    24.563,69
    +35,00 (+0,14%)
     
  • Dow Jones

    34.035,99
    +305,10 (+0,90%)
     
  • Nasdaq

    14.038,76
    +180,92 (+1,31%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,36
    -0,10 (-0,16%)
     
  • BTC-EUR

    50.686,62
    -1.950,50 (-3,71%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.350,68
    -30,27 (-2,19%)
     
  • Oro

    1.777,10
    +10,30 (+0,58%)
     
  • EUR/USD

    1,1989
    +0,0013 (+0,11%)
     
  • S&P 500

    4.170,42
    +45,76 (+1,11%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.011,92
    +18,49 (+0,46%)
     
  • EUR/GBP

    0,8692
    +0,0009 (+0,11%)
     
  • EUR/CHF

    1,1012
    -0,0021 (-0,19%)
     
  • EUR/CAD

    1,4991
    -0,0019 (-0,13%)
     

Suning chiude con il calcio in Cina. Si teme per l'Inter

·2 minuto per la lettura
suning chiude con il calcio in cina.
suning chiude con il calcio in cina.

Il gruppo Suning chiude con il calcio in Cina, sia la squadra maschile che femminile non parteciperanno al prossimo campionato. Trema però anche l‘Inter di Conte, che appartiene sempre allo stesso gruppo. La scure di Suning si abbatterà anche sulla squadra italiana? Vediamo cosa sappiamo sino a questo momento.

Suning sospende l’attività del Jiangsu. Paura anche per l’Inter

Il Jiangsu Football Club il prossimo campionato di calcio lo vedrà solo in televisione: non sarà infatti più un attivo protagonista, in quanto il gruppo Suning, proprietario tra l’altro anche dell’Inter, non ha rinnovato l’iscrizione della squadra, sia maschile che femminile, al prossimo campionato. Il motivo? Finanziario ovviamente. La voce circolava già da un po’, ma adesso è diventato ufficiale, come ammesso anche dallo stesso gruppo tramite un comunicato: –“A causa della sovrapposizione di vari elementi incontrollabili, il Jiangsu Football Club non può garantire efficacemente la continuazione dell’attività: da ora in poi, il Jiangsu Football Club si fermerà. L’attività di ogni squadra verrà cessata. Ci aspettiamo che proseguano su scala più ampia le questioni relative allo sviluppo successivo.

Sin dal transfert nel dicembre 2015, lo Jiangsu FC ha investito attivamente nel calcio professionistico ed ha fortemente supportato lo sviluppo del calcio cinese ha costruito rapidamente una struttura con standard internazionali e lanciato un sistema di management fra i più avanzati. È arrivato un gruppo di allenatori e giocatori di livello mondiale, che ha aumentato velocemente il livello dello staff e la competitività del club. Allo stesso tempo, l’introduzione di giovani allenatori europei, l’innesto di risorse locali di alta professionalità, il perfezionamento del sistema d’allenamento, nutrizionale e mentale, ha creato una buona progressione di ragazzi dall’U12 all’U19″.

Poi prosegue:- “Negli scorsi sei mesi, il club ha fatto di tutto per garantire la successione, senza tralasciare alcuna opportunità. Allo stesso tempo, ci aspettiamo che proseguano su scala piu’ ampia le questioni relative allo sviluppo futuro, magari con nuove imprese che vogliano subentrare. In questi 5 anni, abbiamo lavorato molto duro, condividendo gioie e momenti difficili. Non ci sono rimpianti: questo e’ il calcio. Questa è la vita”.

Il problema Inter

Tegola questa che non riguarda solo le attività del gruppo in Cina, perchè la preoccupazione sale anche in casa Inter, visto che il proprietario è sempre lo stesso Suning, tuttavia, considerando il campionato nel quale gioca la squadra italiana, e l’inserimento nelle grandi leghe europee, al momento non sembra verosimile una ricaduta anche sui neroazzurri. Certo tutto dipenderà da come finirà il campionato italiano, dato che il sogno europeo è ormai sfumato.