Italia markets close in 8 hours 20 minutes
  • FTSE MIB

    26.619,25
    +590,35 (+2,27%)
     
  • Dow Jones

    34.168,09
    -129,61 (-0,38%)
     
  • Nasdaq

    13.542,12
    +2,82 (+0,02%)
     
  • Nikkei 225

    26.170,30
    -841,03 (-3,11%)
     
  • Petrolio

    86,99
    -0,36 (-0,41%)
     
  • BTC-EUR

    32.273,83
    -1.392,48 (-4,14%)
     
  • CMC Crypto 200

    823,72
    -32,09 (-3,75%)
     
  • Oro

    1.809,50
    -20,20 (-1,10%)
     
  • EUR/USD

    1,1207
    -0,0038 (-0,34%)
     
  • S&P 500

    4.349,93
    -6,52 (-0,15%)
     
  • HANG SENG

    23.767,67
    -522,23 (-2,15%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.164,60
    +86,34 (+2,12%)
     
  • EUR/GBP

    0,8350
    +0,0002 (+0,03%)
     
  • EUR/CHF

    1,0378
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4246
    +0,0013 (+0,09%)
     

Super green pass bar e ristoranti, dati e cifre

·2 minuto per la lettura

Ben venga l'obbligo del Super green pass per entrare in bar e ristoranti, sia per la consumazione al banco che per quella al tavolo, al chiuso e all’aperto, se serve a evitare nuove chiusure dei locali. A dirlo all'Adnkronos è il presidente di Fipe-Confcommercio, Lino Enrico Stoppani, nel primo giorno di entrata in vigore delle misure. "L'alternativa a questi provvedimenti - osserva - sarebbe stata la chiusura delle attività. Per cui, se evitano l’aggravamento della situazione e regole ancora più drastiche, li accogliamo, sperando che possano portare dei risultati nel lungo termine".

"Sicuramente - rimarca Stoppani - le misure pongono un problema di tipo organizzativo" ma "il governo è stato chiarissimo sulle regole". Semmai, evidenzia, "avremmo voluto non avere l'obbligo di fare i controllori della situazione ma se questa concessione rischiava di indebolire il provvedimento lo accettiamo con senso di responsabilità". Del resto, conclude, "questi provvedimenti mirano a migliorare la situazione, quindi ben vengano".

"Noi di Fipe vogliamo vedere il bicchiere mezzo pieno e allora pensiamo che comunque da oggi abbiamo sempre 46,5 mln di italiani muniti di green pass e che quindi potranno consumare nei nostri locali e che quindi potremo restare aperti e lavorare" dice, intervistato da Adnkronos/Labitalia, Luciano Sbraga, vice direttore di Fipe Confcommercio.

"Oggi - spiega - considerando la fascia di età tra i 20 e i 69 anni ci sono in Italia 5,3 milioni di persone che non possono consumare in bar e ristoranti, né all'interno né all'aperto. Considerando per queste persone la frequenza di consumo che si applica normalmente, possiamo dire che c'è una potenziale mancata domanda di 28-30 milioni di euro al giorno: 3 milioni per la colazione del mattino, 11 milioni per il pranzo al lavoro (panino, piatto caldo, ecc.), e circa 14 milioni per la cena della sera. Quindi abbiamo in pratica per bar e ristoranti una perdita potenziale di incassi di 28-30 milioni di euro al giorno".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli