Italia markets close in 7 hours 45 minutes
  • FTSE MIB

    24.532,81
    +46,80 (+0,19%)
     
  • Dow Jones

    34.021,45
    +433,79 (+1,29%)
     
  • Nasdaq

    13.124,99
    +93,31 (+0,72%)
     
  • Nikkei 225

    28.084,47
    +636,46 (+2,32%)
     
  • Petrolio

    63,73
    -0,09 (-0,14%)
     
  • BTC-EUR

    41.350,45
    -843,59 (-2,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.380,00
    -7,90 (-0,57%)
     
  • Oro

    1.832,40
    +8,40 (+0,46%)
     
  • EUR/USD

    1,2117
    +0,0032 (+0,27%)
     
  • S&P 500

    4.112,50
    +49,46 (+1,22%)
     
  • HANG SENG

    28.014,58
    +295,91 (+1,07%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.970,46
    +18,01 (+0,46%)
     
  • EUR/GBP

    0,8617
    +0,0020 (+0,24%)
     
  • EUR/CHF

    1,0942
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,4718
    +0,0027 (+0,18%)
     

Svelato il protocollo e i (pochi) partecipanti del funerale del principe Filippo scelti dalla regina

Di Elisabetta Moro
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Nigel Treblin - Getty Images
Photo credit: Nigel Treblin - Getty Images

Ci siamo quasi: è passata una settimana dalla morte del principe Filippo, ma sembra molto di più. Ora è arrivato il momento di dare l'ultimo saluto al Duca di Edimburgo e la Regina ha preso tutte le decisioni necessarie sui partecipanti e il protocollo da seguire durante il funerale del marito per rispettare le tradizioni senza dimenticare il distanziamento sociale. Insomma, è tutto pronto: la cerimonia si svolgerà sabato a partire dalle 15.00 (ora UK) nella Cappella di San Giorgio, nel parco del Castello di Windsor. Non sarà un funerale di stato, ma una cerimonia molto più piccola, senza tanto clamore, proprio come aveva richiesto il principe.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Le restrizioni dovute al coronavirus, poi, hanno ristretto ulteriormente il numero dei partecipanti: in Inghilterra infatti al momento solo 30 persone socialmente distanziate, possono partecipare ai funerali. E non si fa eccezione per i reali. La lista dei partecipanti, quindi, include solo i membri stretti delle famiglia della Regina e del Duca di Edimburgo, inclusi tre dei suoi parenti tedeschi. Anche il principe Harry, come abbiamo visto, sarà presente (ed è il suo primo viaggio di ritorno a Londra dopo la #Megxit) mentre sua moglie non ha potuto affrontare il viaggio dagli Stati Uniti a causa della gravidanza avanzata. Ci saranno naturalmente il principe Carlo e Camilla, il duca e la duchessa di Cambridge, il principe Andrea e le sue figlie, la principessa Eugenia e sua sorella Beatrice, il principe Edward e sua moglie Sophie. Niente bambini, il più giovane sarà James, il figlio minore del principe Edward che ha 13 anni. Non ci sarà nemmeno il primo ministro Boris Johnson che ha preferito lasciare il suo posto a familiari e amici stretti dei reali. Anche il protocollo è stato parzialmente rivisto come racconta Madame Le Figaro: la Regina ha infatti revocato l'obbligo per gli uomini di indossare la divisa, probabilmente per non mettere in imbarazzo il principe Harry e il principe Andrea che sarebbero stati gli unici in abiti civili.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Come spiega la BBC, prima della cerimonia, alle 14.45, ci sarà una processione dal castello fino alla cappella. Ad aprire il corteo ci saranno la banda dei granatieri e i principali comandanti militari, poi seguirà la Land Rover su cui sarà collocata la bara del principe (un'auto che il Duca di Edinburgo ha contribuito a progettare), i membri della famiglia reale e infine la Regina che chiuderà il corteo a bordo di una State Bentley. Alle 15 tutto il Regno Unito osserverà un minuto di silenzio segnato dallo sparo di un cannone e poi avrà inizio la funzione funebre. Il tutto, per chi fosse interessato, verrà documentato dalla BBC che permetterà al pubblico di porgere - almeno virtualmente - il suo saluto al principe Filippo. Al di là dell'organizzazione, del protocollo e dell'attenzione mediatica sarà, però, soprattutto un momento familiare di dolore e ricordo. E così è giusto che sia.