Italia Markets closed

Tangenti Saipem in Algeria, legale del gruppo: sentenza storica

Fcz

Milano, 15 gen. (askanews) - "È una sentenza storica perchè stabilisce che non c'è mai stato nessun fatto corruttivo attribuibile a Saipem in Algeria". Questo il commento dell'avvocato Enrico Giarda, difensore di Saipem, sulla sentenza della Corte d'Appello di Milano che ha portato all'assoluzione di tutti i 10 imputati (8 persone fisiche e due società) nel processo sulla presunta maxi-tangente in Algeria.

Il gruppo Saipem, coinvolto ai sensi della legge 231 sulla responsabilità amministrativa di società per reati commessi da propri dipendenti, in primo grado era stato condannato al pagamento di una sanzione pecuniaria da 400mila euro e alla confisca di 197 milioni, cifra che corrisponde al presunto profitto del reato. Confisca revocata dai giudici d'appello che hanno disposto la restituzione della somma al gruppo.

L'effetto pratico, ha sottolineato il legale subito dopo la lettura della sentenza, è che ora Saipem "non deve mettere a bilancio accantonamenti relativi all'ipotetico rischio di confisca".

L'avvocato Giarda è quindi soddisfatto: "Non ce l'aspettavamo ma ci speravamo. Sono sette anni che sosteniamo l'assoluta estraneità di Saipem".