Italia markets close in 1 hour 28 minutes
  • FTSE MIB

    25.450,39
    -66,07 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    35.061,84
    -22,69 (-0,06%)
     
  • Nasdaq

    14.717,02
    -61,25 (-0,41%)
     
  • Nikkei 225

    27.283,59
    -498,83 (-1,80%)
     
  • Petrolio

    73,76
    +0,14 (+0,19%)
     
  • BTC-EUR

    32.727,30
    -1.096,56 (-3,24%)
     
  • CMC Crypto 200

    922,67
    -27,23 (-2,87%)
     
  • Oro

    1.829,70
    -6,10 (-0,33%)
     
  • EUR/USD

    1,1885
    -0,0011 (-0,10%)
     
  • S&P 500

    4.407,74
    -11,41 (-0,26%)
     
  • HANG SENG

    25.961,03
    -354,29 (-1,35%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.105,00
    -11,77 (-0,29%)
     
  • EUR/GBP

    0,8515
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • EUR/CHF

    1,0766
    +0,0000 (+0,00%)
     
  • EUR/CAD

    1,4766
    -0,0023 (-0,16%)
     

Tassi giù fanno soffrire le banche: Unicredit e Intesa Sanpaolo in coda al Ftse Mib

·1 minuto per la lettura

Si conferma il momento delicato per il settore bancario. Oggi l'indice Euro Stoxx Banks segna una flessione di ben l'1,27%, attestandosi sui minimi a oltre due mesi. Movimento discendente che colpisce anche le banche del Ftse Mib: Unicredit è la peggiore con -1,86% in area 9,71 euro. Calo di oltre l'1% per Bper, Intesa Sanpaolo e Banco BPM. IL settore paga il nuovo ritracciamento dei tassi sull'obbligazionari. Oltreoceano i tassi USA a lungo termine sono ritornati su livelli piuttosto bassi (il decennale sotto 1,35%, al minimo da febbraio) complice anche il deludente dato sull’ISM. "L’andamento dei tassi potrebbe riflettere una temporanea preoccupazione sulla crescita a lungo termine, alla luce di indici anticipatori recentemente deludenti (in particolare USA e Cina)", rimarcano oggi gli esperti di MPS Capital Services. Per le banche italiane sullo sfondo rimane l'argomento M&A. Sulla stampa continua a tenere banco il possibile spezzatino di MPS, mentre oggi l'Avvenire torna a parlare di una possibile Opa su Banco BPM. Facendo i calcoli sui bonus fiscali del Decreto Sostegno bis, le banche d'affari hanno messo in evidenza benefici per 3,9 miliardi di euro dall'aggregazione UniCredit-Banco BPM contro i 2,9 miliardi del matrimonio UniCredit-Mps e il miliardo di quello Banco BPM-Bper.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli