Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.534,57
    -451,13 (-1,96%)
     
  • Dow Jones

    33.803,35
    -195,69 (-0,58%)
     
  • Nasdaq

    12.729,66
    -235,69 (-1,82%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,33
    -11,77 (-0,04%)
     
  • Petrolio

    91,45
    +0,95 (+1,05%)
     
  • BTC-EUR

    21.461,04
    -1.981,80 (-8,45%)
     
  • CMC Crypto 200

    513,10
    -28,50 (-5,26%)
     
  • Oro

    1.763,60
    -7,60 (-0,43%)
     
  • EUR/USD

    1,0043
    -0,0049 (-0,48%)
     
  • S&P 500

    4.238,86
    -44,88 (-1,05%)
     
  • HANG SENG

    19.773,03
    +9,12 (+0,05%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.730,32
    -47,06 (-1,25%)
     
  • EUR/GBP

    0,8487
    +0,0034 (+0,40%)
     
  • EUR/CHF

    0,9625
    -0,0023 (-0,24%)
     
  • EUR/CAD

    1,3036
    -0,0024 (-0,19%)
     

Taxi, revocato lo sciopero del 20-21 luglio

(Adnkronos) - Revocato lo sciopero dei taxi del 20-21 luglio per la crisi di governo. "In considerazione della conclamata crisi di governo in atto con la quale risultano interrotti i lavori del parlamento ed in particolare della Commissione industria della camera dei deputati, dove dovrebbe essere affrontata la questione della riforma del comparto Taxi, si è ritenuto opportuno revocare il fermo nazionale del servizio previsto per le giornate del 20 e 21 luglio. In attesa di sviluppi relativi all’attuale situazione di crisi, i rappresentanti del comparto torneranno a riunirsi nei prossimi giorni, al fine di mantenere alto il livello di attenzione sull’approvazione dell’articolo 10 del ddl concorrenza, e valutare eventuali nuove forme di protesta con la proclamazione di un nuovo sciopero" annunciano i sindacati del settore.

"Non siamo infatti intenzionati a concedere alcuna delega in bianco a nessun governo, per intervenire sul comparto e per noi l’unica strada percorribile è quella dello stralcio dell’articolo 10, tanto più alla luce delle numerose e vergognose commistioni che stanno emergendo grazie all’inchiesta 'Uber Files', tra ambienti istituzionali e strutture di pressione di vario tipo, studi professionali, uomini d’affari, think tank pseudo liberali, affinché le norme del comparto Taxi, vengano riscritte in favore delle multinazionali che vogliono deregolamentare il servizio pubblico: Uber, Freenow e Bolt" aggiungono i sindacati del settore.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli