Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.354,65
    +60,79 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,83 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,11 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    25.935,62
    -457,42 (-1,73%)
     
  • Petrolio

    108,46
    +2,70 (+2,55%)
     
  • BTC-EUR

    18.529,62
    -166,34 (-0,89%)
     
  • CMC Crypto 200

    420,84
    +0,70 (+0,17%)
     
  • Oro

    1.812,90
    +5,60 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0426
    -0,0057 (-0,54%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.448,31
    -6,55 (-0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8623
    +0,0016 (+0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0002
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,3434
    -0,0056 (-0,42%)
     

Taxi, sindacalisti si incatenano davanti a P. Chigi

(Adnkronos) - I sindacalisti che rappresentano il settore dei taxi protestano davanti a Palazzo Chigi per chiedere nuovamente lo stralcio dell'articolo 8 del ddl concorrenza. "Oggi eravamo a Roma sotto Palazzo Chigi per chiedere di essere ricevuti dal presidente del Consiglio, Mario Draghi o dai suoi rappresentanti in modo da potergli consegnare un nostro documento con le nostre rivendicazioni. In assenza di un incontro ci siamo incatenati", spiega all'Adnkronos il segretario nazionale di Orsa Taxi, Rosario Gallucci.

"Il Governo - spiega Gallucci - sta portando avanti un disegno voluto dalle multinazionali. L'Europa non ce lo chiede. Il Ceo di Uber è stato ricevuto mentre il Governo non vuole incontrare i lavoratori. Come è possibile? Senza lo stralcio dell'articolo 8 a rischio ci sono oltre 40 mila famiglie. In assenza di una riposta in tempi brevi la categoria è pronta a rispondere repentinamente anche con azioni che porterebbero ad un fermo nazionale", sottolinea il segretario nazionale di Orsa Taxi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli