Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.717,42
    +79,23 (+0,31%)
     
  • Dow Jones

    34.479,60
    +13,36 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    14.069,42
    +49,09 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    28.948,73
    -9,83 (-0,03%)
     
  • Petrolio

    70,78
    +0,49 (+0,70%)
     
  • BTC-EUR

    29.809,18
    +144,00 (+0,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    924,19
    -17,62 (-1,87%)
     
  • Oro

    1.879,50
    -16,90 (-0,89%)
     
  • EUR/USD

    1,2107
    -0,0071 (-0,58%)
     
  • S&P 500

    4.247,44
    +8,26 (+0,19%)
     
  • HANG SENG

    28.842,13
    +103,25 (+0,36%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.126,70
    +30,63 (+0,75%)
     
  • EUR/GBP

    0,8581
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,0870
    -0,0021 (-0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,4713
    -0,0008 (-0,05%)
     

Terna: per Credit Suisse nuovo target a 6,2 euro dopo piano, "equity story invariata"

·1 minuto per la lettura

Terna finisce sotto la lente d'ingrandimento di Credit Suisse all’indomani della presentazione del nuovo piano industriale 2021-2025. Gli analisti della banca svizzera hanno confermato la raccomandazione neutral sull'utility italiana, ma hanno rivisto il target price da 5,9 a 6,2 euro. "Si tratta del primo business plan presentato dal nuovo amministratore delegato, Stefano Donnarumma. Nonostante il cambio di gestione, l'equity story è rimasta invariata, concentrandosi sul ruolo della rete di trasmissione italiana nella transizione energetica e con il potenziamento delle stime per gli investimenti per il quinto anno consecutivo", segnalano gli analisti di Credit Suisse nel report dal titolo "Another step-up in capex". Nel dettaglio, il nuovo piano di Terna prevede ricavi in salita a 3,04 miliardi di euro ed Ebitda a 2,21 miliardi, con una crescita media annua (CAGR) nell’arco di piano di entrambi gli indicatori di oltre il 4%. Per quanto riguarda la politica dei dividendi, dal 2021 al 2023 si prevede un CAGR del dividendo per azione pari all’8%, rispetto al dividendo di competenza dell’esercizio 2020. Per gli anni 2024 e 2025 si prevede un payout del 75%, con un dividendo minimo comunque garantito pari al dividendo di competenza dell’esercizio 2023.