Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.565,41
    -317,06 (-1,18%)
     
  • Dow Jones

    34.725,47
    +564,69 (+1,65%)
     
  • Nasdaq

    13.770,57
    +417,79 (+3,13%)
     
  • Nikkei 225

    26.717,34
    +547,04 (+2,09%)
     
  • Petrolio

    87,29
    +0,68 (+0,79%)
     
  • BTC-EUR

    33.966,77
    +879,53 (+2,66%)
     
  • CMC Crypto 200

    863,83
    +21,37 (+2,54%)
     
  • Oro

    1.790,10
    -3,00 (-0,17%)
     
  • EUR/USD

    1,1152
    +0,0005 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.431,85
    +105,34 (+2,43%)
     
  • HANG SENG

    23.550,08
    -256,92 (-1,08%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.136,91
    -48,06 (-1,15%)
     
  • EUR/GBP

    0,8320
    -0,0008 (-0,10%)
     
  • EUR/CHF

    1,0375
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4232
    +0,0044 (+0,31%)
     

Terna riconosciuta da Cdp come leader nella lotta al cambiamento climatico

·2 minuto per la lettura
UKRAINE - 2019/07/11: In this photo illustration a Terna Energy logo seen displayed on a smartphone. (Photo Illustration by Igor Golovniov/SOPA Images/LightRocket via Getty Images) (Photo: SOPA Images via Getty Images)
UKRAINE - 2019/07/11: In this photo illustration a Terna Energy logo seen displayed on a smartphone. (Photo Illustration by Igor Golovniov/SOPA Images/LightRocket via Getty Images) (Photo: SOPA Images via Getty Images)

(di Guido Billaud)

Leader nella lotta al cambiamento climatico. Il riconoscimento per Terna, l’azienda italiana impegnata nella trasformazione del mercato elettrico, è arrivato da Cdp, l’organizzazione globale no-profit specializzata nella rendicontazione ambientale e nella valutazione delle performance e delle strategie sul clima adottate dalle società.

Il gruppo guidato da Stefano Donnarumma ha ottenuto la valutazione A- (in una scala che va da D- ad A), la categoria assegnata alle società che hanno messo in campo le best practice. Un posizionamento di eccellenza calcolando che la media del settore è B, la media europea B e la media globale B-.

Tra i punti di forza della società regista della transizione energetica in Italia ci sono l’organizzazione e la gestione aziendale sul tema del cambiamento climatico, le iniziative messe in campo per la riduzione delle emissioni e l’impegno per il raggiungimento di target ambiziosi, ribadito dall’adozione dello Science Based Target, attraverso cui Terna si è impegnata a tagliare di circa il 30% le proprie emissioni inquinanti.

A segnare il passo del cambiamento è stato il Piano di Sviluppo 2021 della rete elettrica di trasmissione nazionale, un impegno da 18,1 miliardi di euro di investimenti nei prossimi 10 anni. Secondo le stime di Terna, gli interventi programmati in questo arco di tempo permetteranno di tagliare 5,6 milioni di tonnellate annue di emissioni serra (quasi il doppio rispetto al Piano precedente) e consentiranno di demolire 4.600 chilometri di infrastrutture obsolete.

In occasione della COP26, inoltre, Terna ha lanciato Terna4Green, una piattaforma digitale che consente di monitorare i progressi nel percorso di decarbonizzazione dell’Italia, coerentemente con i target delineati dal Piano nazionale energia e clima e con gli obiettivi internazionali in tema di sviluppo sostenibile.

Cdp ha elaborato le sue valutazioni utilizzando una metodologia indipendente, con un questionario che mette a fuoco le tematiche legate al cambiamento climatico e chiede alle aziende informazioni relative alla governance del climate change, ai rischi e alle opportunità collegate, alle performance in termini di consumi energetici ed emissioni di gas climalteranti.

La leadership di Terna nel campo della sostenibilità è testimoniata anche dalla presenza del gruppo nei principali indici Esg e nelle più importanti classifiche: dal Dow Jones Sustainability Index al Bloomberg Gender Equality Index, dal FTSE4Good all’Euronext Vigeo Eiris.

Inoltre pochi giorni fa Terna è stata inclusa per la seconda volta nel Glio/Gresb Esg Index, il primo indice globale specializzato nell’analisi delle migliori pratiche in campo ambientale, sociale e governance adottate da aziende quotate che gestiscono infrastrutture dell’energia, dei trasporti e delle reti di telecomunicazioni. Il gestore della rete elettrica nazionale è una delle 8 società italiane su 159 imprese mondiali incluse nell’indice. Terna ha ottenuto per la seconda volta consecutiva il rating A, su una scala che parte da E. In base ai criteri della Tassonomia europea il 95% dei circa 9 miliardi di euro di investimenti previsti da Terna nei prossimi cinque anni è sostenibile.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli