Italia markets close in 27 minutes
  • FTSE MIB

    24.166,82
    +78,17 (+0,32%)
     
  • Dow Jones

    34.029,84
    +208,54 (+0,62%)
     
  • Nasdaq

    13.828,70
    +42,43 (+0,31%)
     
  • Nikkei 225

    28.508,55
    -591,83 (-2,03%)
     
  • Petrolio

    62,33
    -0,34 (-0,54%)
     
  • BTC-EUR

    46.772,38
    -400,29 (-0,85%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.296,10
    +33,14 (+2,62%)
     
  • Oro

    1.791,30
    +12,90 (+0,73%)
     
  • EUR/USD

    1,2035
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • S&P 500

    4.153,02
    +18,08 (+0,44%)
     
  • HANG SENG

    28.621,92
    -513,81 (-1,76%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.980,42
    +39,96 (+1,01%)
     
  • EUR/GBP

    0,8634
    0,0000 (0,00%)
     
  • EUR/CHF

    1,1033
    +0,0016 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,5010
    -0,0160 (-1,05%)
     

Tesoro: BTP Short Term, la prima emissione nell'asta in agenda il 25 marzo

Daniela La Cava
·1 minuto per la lettura

Si avvicina il debutto ufficiale del BTP Short Term. Nell’asta in calendario il giorno 25 marzo 2021, insieme al BTP€i, verrà, infatti, emesso il primo BTP Short Term, il nuovo titolo che subentra al CTZ. Lo rende noto il ministero dell’Economia e delle Finanze (Mef) in un comunicato diffuso ieri sera. Come comunicato nelle linee guida della gestione del debito pubblico per l’anno 2021, questa nuova tipologia di titoli, in tutto uguali ai BTP nominali, potrà avere una scadenza compresa tra i 18 ed i 30 mesi e andrà a sostituire interamente i collocamenti dei CTZ, che da questa asta in poi si intendono sospesi. Pertanto, i nuovi titoli del segmento BTP Short Term, nonché le riaperture degli stessi, verranno sempre proposti insieme ai BTP€i nella prima giornata d’asta del ciclo delle aste di fine mese. Con l’introduzione di questi nuovi strumenti, il Mef si "propone di contribuire a rendere maggiormente efficiente e liquido il comparto a breve termine dei titoli di Stato, nonché di conseguire ulteriori margini di flessibilità per la gestione del profilo delle scadenze dei prossimi anni". Con riferimento ai titoli CTZ attualmente in circolazione, il Mef "si avvarrà, ove necessario, di tutti gli strumenti di gestione del debito a sua disposizione per garantire il mantenimento di condizioni di ordinato funzionamento delle negoziazioni sul mercato secondario