Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.717,42
    +79,23 (+0,31%)
     
  • Dow Jones

    34.479,60
    +13,36 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    14.069,42
    +49,09 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    28.948,73
    -9,83 (-0,03%)
     
  • Petrolio

    70,78
    +0,49 (+0,70%)
     
  • BTC-EUR

    29.452,18
    -1.646,62 (-5,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    924,19
    -17,62 (-1,87%)
     
  • Oro

    1.879,50
    -16,90 (-0,89%)
     
  • EUR/USD

    1,2107
    -0,0071 (-0,58%)
     
  • S&P 500

    4.247,44
    +8,26 (+0,19%)
     
  • HANG SENG

    28.842,13
    +103,25 (+0,36%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.126,70
    +30,63 (+0,75%)
     
  • EUR/GBP

    0,8581
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,0870
    -0,0021 (-0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,4713
    -0,0008 (-0,05%)
     

Tesoro: ecco i dettagli del collocamento del nuovo BTP a 10 anni con cedola annua dello 0,95%

·1 minuto per la lettura

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha reso noto i dettagli dell’emissione tramite sindacato del nuovo benchmark BTP a 10 anni, con scadenza 1° dicembre 2031 e cedola annua dello 0,95%. Hanno partecipato all’operazione oltre 330 investitori per una domanda complessiva pari a circa 67,7 miliardi di euro. La maggiore quota del collocamento è stata sottoscritta da fund manager (il 60,6%), mentre le banche ne hanno sottoscritto il 22,3%. Gli investitori con un orizzonte di investimento di lungo periodo hanno acquistato il 11,2% dell’emissione (in particolare il 5,8% è andato a fondi pensione e assicurazioni, mentre il 5,4% è stato allocato a istituzioni governative). Agli hedge fund è stato allocato il 5,9% dell’ammontare complessivo. La distribuzione geografica del titolo è stata estremamente diversificata, con una partecipazione che ha visto il coinvolgimento di circa 35 paesi: gli investitori esteri si sono aggiudicati la maggior parte dell’emissione (85,4%), mentre gli investitori domestici ne hanno sottoscritto il 14,6%. Tra gli investitori esteri, la quota più rilevante del collocamento, circa l’80%, è stata sottoscritta da investitori europei, provenienti in particolare da Regno Unito (43,1%), Germania, Austria e Svizzera (11,3%), penisola iberica (8,6%), Francia (6,8%), paesi scandinavi (6,7%), paesi dell’Europa centro-orientale (1,3%) e altri paesi europei (2,2%). La restante quota dell’emissione, pari al 5,4%, è stata collocata al di fuori dell’Europa, in particolare nel Nord America (2,3%) ed in Asia (3,1%).