Italia markets close in 6 hours 40 minutes
  • FTSE MIB

    24.221,61
    -19,74 (-0,08%)
     
  • Dow Jones

    33.597,92
    +1,58 (+0,00%)
     
  • Nasdaq

    10.958,55
    -56,34 (-0,51%)
     
  • Nikkei 225

    27.574,43
    -111,97 (-0,40%)
     
  • Petrolio

    72,91
    +0,90 (+1,25%)
     
  • BTC-EUR

    16.019,36
    -126,50 (-0,78%)
     
  • CMC Crypto 200

    394,67
    -7,37 (-1,83%)
     
  • Oro

    1.794,00
    -4,00 (-0,22%)
     
  • EUR/USD

    1,0493
    -0,0021 (-0,20%)
     
  • S&P 500

    3.933,92
    -7,34 (-0,19%)
     
  • HANG SENG

    19.450,23
    +635,41 (+3,38%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.926,88
    +5,98 (+0,15%)
     
  • EUR/GBP

    0,8623
    +0,0017 (+0,20%)
     
  • EUR/CHF

    0,9888
    +0,0008 (+0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,4350
    +0,0007 (+0,05%)
     

Tetto al prezzo del gas, la Germania fa da sola e la Ue fa poco

(Adnkronos) - La Germania sceglie di fare da sola. E la Commissione Ue si adegua, e fa poco. Non si arriverà a un tetto generalizzato al prezzo del gas, come proposto da Italia, Francia e altri 13 stati membri, perché Berlino farà in autonomia il proprio tetto, all'interno di un pacchetto da 200 miliardi di euro. Il tetto a livello europeo potrà esserci solo per il gas russo, e ormai è sostanzialmente inutile visto il drastico taglio delle forniture, o al massimo per il gas utilizzato per la produzione di elettricità.

Non è la soluzione che l'Italia sperava e non è una soluzione che può spostare in maniera consistente i termini del problema. Intanto i tempi si allungano, ancora. Domani il Consiglio straordinario dei ministri dell'Energia continuerà a discutere senza arrivare a una decisione. Il 30 settembre la palla tornerà ai leader che si riuniranno a Praga.

Il veto tedesco si è dimostrato insormontabile. E la decisione della Germania di andare avanti a livello nazionale, potendo contare su margini di bilancio che gli altri Paesi non hanno, pone ancora una volta il tema della governance europea, strettamente legato a quello della capacità dell'Europa di prendere decisioni efficaci e tempestive.

Si tratta di un passo indietro rispetto alle modalità straordinarie sdoganate con l'emergenza Covid, che hanno portato alla sospensione degli effetti del Patto di stabilità e allo sforzo gigantesco prodotto con il Recovery Fund. Quella è stata un'Europa capace di superare gli interessi nazionali, di condividere sovranità, e di produrre le risposte che servivano. Questa che si sta arrotolando da mesi senza riuscire a decidere nulla è un'Europa che lascia spazio inevitabilmente ai nazionalismi e ai sovranismi. Oggi sono tedeschi, domani avranno un'altra bandiera. (di Fabio Insenga)