Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.938,52
    -66,88 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.580,08
    -59,71 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    15.085,47
    -295,85 (-1,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,20 (+1,00%)
     
  • Petrolio

    66,22
    -0,28 (-0,42%)
     
  • BTC-EUR

    43.091,71
    -4.212,72 (-8,91%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.367,14
    -74,62 (-5,18%)
     
  • Oro

    1.782,10
    +21,40 (+1,22%)
     
  • EUR/USD

    1,1317
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.538,43
    -38,67 (-0,84%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,24 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.080,15
    -27,87 (-0,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8550
    +0,0056 (+0,66%)
     
  • EUR/CHF

    1,0378
    -0,0019 (-0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4528
    +0,0056 (+0,39%)
     

Third Point rileva grossa quota in Shell, chiede breakup - Wsj

·1 minuto per la lettura
Il logo Shell nei pressi di una stazione di servizio a Londra

(Reuters) - Third Point, hedge fund dell'investitore attivista Daniel Loeb, ha rilevato una consistente quota in Royal Dutch Shell e ha sollecitato la major petrolifera europea a dividersi in due società separate.

Lo scrive il Wall Street Journal citando fonti a conoscenza della situazione.

La partecipazione ha un valore di oltre 500 milioni di dollari e fa di Third Point uno dei maggiori azionisti di Shell, secondo il quotidiano.

Shell e Third Point non hanno risposto immediatamente a una richiesta di commento da parte di Reuters.

Il fondo ritiene che Shell dovrebbe prendere in considerazione la creazione di due società 'standalone', una legata alle attività tradizionali del gruppo e una focalizzata sulle energie rinnovabili, scrive il Wall Street Journal, citando una lettera inviata agli investitori della società vista dal quotidiano.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in Redazione a Milano Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli