Italia markets closed
  • FTSE MIB

    17.943,11
    +70,83 (+0,40%)
     
  • Dow Jones

    26.501,60
    -157,51 (-0,59%)
     
  • Nasdaq

    10.911,59
    -274,00 (-2,45%)
     
  • Nikkei 225

    22.977,13
    -354,81 (-1,52%)
     
  • Petrolio

    35,72
    -0,45 (-1,24%)
     
  • BTC-EUR

    11.555,91
    -37,15 (-0,32%)
     
  • CMC Crypto 200

    265,42
    +1,78 (+0,68%)
     
  • Oro

    1.878,80
    +10,80 (+0,58%)
     
  • EUR/USD

    1,1650
    -0,0029 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    3.269,96
    -40,15 (-1,21%)
     
  • HANG SENG

    24.107,42
    -479,18 (-1,95%)
     
  • Euro Stoxx 50

    2.958,21
    -1,82 (-0,06%)
     
  • EUR/GBP

    0,8992
    -0,0040 (-0,44%)
     
  • EUR/CHF

    1,0677
    -0,0008 (-0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,5510
    -0,0039 (-0,25%)
     

TikTok vuole quotarsi a Wall Street

Antonio Cardarelli
·1 minuto per la lettura
TikTok vuole quotarsi a Wall Street
TikTok vuole quotarsi a Wall Street

Donald Trump sta valutando il piano che prevede l’ingresso di Oracle e Walmart in TikTok con successiva quotazione

Dalla diplomazia del ping pong a quella di TikTok: i rapporti politici e commerciali tra Cina e Usa, in queste settimane, sembrano dipendere dalla trattativa sul futuro dell’app di proprietà di ByteDance. Donald Trump ha annunciato che prenderà una decisione entro 24-36 ore, ma la proposta cinese non sembra convincerlo fino in fondo.

DENTRO ORACLE E WALMART

L’idea di ByteDance è permettere l’ingresso al 20% di Oracle, che si occuperebbe della gestione dei dati degli utenti americani e forse anche globali, oltre a una quota non ancora precisata da cedere a Walmart, il colosso della grande distribuzione Usa. Una volta ricevuto l’ok dalla Casa Bianca, TikTok intende procedere con la quotazione a Wall Street.

IPO DA 50 MILIARDI DI DOLLARI

Se arrivasse l’ok, quella di TikTok sarebbe la più grande Ipo (Initial Public Offering) degli ultimi anni visto che l’app viene valutata circa 50 miliardi di dollari. Ma il cammino verso Wall Street potrebbe scontrarsi con l’opposizione di Trump, che dovrebbe cedere alla richiesta di lasciare l’app tanto amata dai giovani di tutto il mondo (e da milioni di americani) in mani cinesi, perché la maggioranza resterebbe nelle mani di ByteDance.

I DUBBI DI TRUMP

Per convincere Trump, oltre alle rassicurazioni sull’archiviazione dei dati degli utenti americani, ByteDance avrebbe messo sul piatto anche la creazione di ventimila posti di lavoro. Per il momento dalla Casa Bianca è arrivato solo un laconico “stiamo studiando i dettagli del piano”.