Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    32.934,29
    +353,35 (+1,08%)
     
  • Dow Jones

    39.087,38
    +90,99 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    16.274,94
    +183,02 (+1,14%)
     
  • Nikkei 225

    39.910,82
    +744,63 (+1,90%)
     
  • Petrolio

    79,81
    +1,55 (+1,98%)
     
  • Bitcoin EUR

    57.107,16
    -909,10 (-1,57%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.091,60
    +36,90 (+1,80%)
     
  • EUR/USD

    1,0839
    +0,0032 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    5.137,08
    +40,81 (+0,80%)
     
  • HANG SENG

    16.589,44
    +78,00 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.894,86
    +17,09 (+0,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8567
    +0,0010 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    0,9573
    +0,0017 (+0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4682
    +0,0013 (+0,09%)
     

Tim, mandato a Labriola per negoziare con Mef nuova offerta per Sparkle

Il direttore generale di Tim Pietro Labriola nella sede centrale di Tim a Roma

ROMA (Reuters) - Il Cda di Telecom Italia ha conferito all'AD Pietro Labriola il mandato a negoziare una nuova offerta per Sparkle con il ministero dell'Economia.

E' quanto si legge in un comunicato diffuso da Tim, il cui Cda, riunitosi oggi, non ha ritenuto "soddisfacente" l'offerta ricevuta.

Relativamente alla nuova opzione da negoziare, la nota cita "possibili adeguamenti delle condizioni contrattuali, nell'assunto che Tim mantenga una partecipazione nella società per un determinato arco temporale e supporti la realizzazione del piano strategico".

Sparkle è la società che detiene i cavi sottomarini di Telecom Italia e la sua cessione fa parte del piano di Labriola di scorporare gli asset di rete fissa dell'ex monopolista telefonico per ridurre il debito.

La scorsa settimana il Tesoro ha presentato un'offerta di acquisto per Sparkle, la cui rete si estende per oltre 600.000 km e trasmette informazioni tra i Paesi dell'Europa, del Mediterraneo e delle Americhe.

Secondo alcune fonti l'offerta ha un valore fino a 750 milioni di euro, compreso il debito e l'earnout, inferiore alla valutazione di 900 milioni di euro che Tim aveva fissato per l'asset.

A novembre, Tim ha accettato di vendere la sua rete fissa nazionale a Kkr, nell'ambito di un accordo con il Tesoro, in un'operazione del valore massimo di 22 miliardi di euro. L'operazione è contrastata dal principale azionista di Tim, Vivendi.

Il Cda di oggi ha inoltre proseguito le attività in vista della presentazione di una lista di maggioranza per il rinnovo del board, che avverrà in occasione dell'assemblea chiamata ad approvare il bilancio 2023.

(Antonella Cinelli, editing Francesca Piscioneri)