Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.045,41
    +3,83 (+0,03%)
     
  • CMC Crypto 200

    328,74
    -8,76 (-2,60%)
     
  • Oro

    1.781,90
    -23,60 (-1,31%)
     
  • EUR/USD

    1,1963
    +0,0050 (+0,42%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8988
    +0,0072 (+0,81%)
     
  • EUR/CHF

    1,0818
    +0,0021 (+0,19%)
     
  • EUR/CAD

    1,5528
    +0,0027 (+0,17%)
     

Tim: in nove mesi ricavi in calo -13,2% a 11,657 MLD, in terzo trimestre a 3,898 MLD

Laura Naka Antonelli
·1 minuto per la lettura

I ricavi totali del Gruppo TIM dei primi nove mesi del 2020 ammontano a 11,657 miliardi di euro -13,2% rispetto ai primi nove mesi del 2019 (13,423 miliardi di euro); la variazione organica dei ricavi totali è pari a –7,9%. I ricavi totali del terzo trimestre 2020 sono pari a 3,898 miliardi di euro con una variazione in termini organici rispetto al terzo trimestre 2019 di -207 milioni di euro (-5,0%). L'EBITDA del Gruppo TIM dei primi nove mesi del 2020 è pari a 5,118 miliardi di euro (6,499 miliardi di euro nei primi nove mesi del 2019; -21,2%, -7,3% organico). L'EBITDA organico al netto della componente non ricorrente si attesta a 5,299 miliardi di euro con un'incidenza sui ricavi del 45,3% (5,715 miliardi di euro nei primi nove mesi del 2019, con un'incidenza sui ricavi del 45,0%). Nei primi nove mesi del 2020 il Gruppo TIM ha registrato oneri non ricorrenti per complessivi 181 milioni di euro, di cui 89 milioni di euro ricollegabili all'emergenza Covid-19 in Italia. In particolare, oltre agli impatti delle iniziative commerciali di TIM S.p.A. a supporto della clientela, sono stati sostenuti costi operativi riferibili principalmente agli approvvigionamenti e agli accantonamenti ed oneri connessi alla gestione dei crediti derivanti dal deterioramento del quadro macroeconomico.