Italia markets close in 3 hours 3 minutes
  • FTSE MIB

    24.460,11
    -87,73 (-0,36%)
     
  • Dow Jones

    33.947,10
    -482,78 (-1,40%)
     
  • Nasdaq

    11.239,94
    -221,56 (-1,93%)
     
  • Nikkei 225

    27.885,87
    +65,47 (+0,24%)
     
  • Petrolio

    75,92
    -1,01 (-1,31%)
     
  • BTC-EUR

    16.187,41
    -336,93 (-2,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    401,78
    -9,44 (-2,29%)
     
  • Oro

    1.789,80
    +8,50 (+0,48%)
     
  • EUR/USD

    1,0521
    +0,0023 (+0,22%)
     
  • S&P 500

    3.998,84
    -72,86 (-1,79%)
     
  • HANG SENG

    19.441,18
    -77,11 (-0,40%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.946,81
    -9,72 (-0,25%)
     
  • EUR/GBP

    0,8610
    +0,0006 (+0,07%)
     
  • EUR/CHF

    0,9873
    -0,0011 (-0,11%)
     
  • EUR/CAD

    1,4327
    +0,0070 (+0,49%)
     

Tim, vendita rete elemento portante piano, Brasile centrale - Labriola

Il logo Tim su uno smartphone

MILANO (Reuters) - La vendita degli asset di rete fissa per creare la rete unica con Open Fiber è "uno degli elementi portanti del piano industriale" di Telecom Italia presentato al mercato lo scorso luglio e metterebbe l'azienda in condizione di competere sull'attività dei servizi.

Lo ha detto l'amministratore delegato di Telecom Italia (Tim) Pietro Labriola, intervenendo all'assemblea Confindustria Bari e BAT.

"Il mio punto di vista credo di averlo espresso chiaramente avendo presentato un piano al mercato finanziario a luglio nel quale dico che è uno degli elementi portanti dal punto di vista del sistema Paese ma anche per la nostra azienda", ha affermato Labriola, rispondendo ad una domanda sul progetto di integrazione della rete di Tim con quella di Open Fiber, controllata da Cdp.

"La vendita degli asset di rete rimetterebbe tutta la parte dei servizi in una condizione di poter competere in modalità innovativa attraverso il mercato", ha affermato il manager, ricordando come Tim abbia prolungato fino al 30 novembre il negoziato con Cdp, azionista di controllo di Open Fiber.

Labriola ha ribadito la linea secondo cui è opportuno separare la rete dal resto del gruppo telefonico, che domani riporterà i conti del terzo trimestre ed è al centro delle speculazioni finanziarie del mercato, con voci di un'Opa sponsorizzata dal nuova governo guidato da Giorgia Meloni.

"Riteniamo, indipendentemente dagli accordi eventuali con Cdp, che questa business unit sia una entità separata che può essere valutata con dei criteri che sono tipici delle aziende infrastrutturali", ha affermato.

Labriola, ex AD della controllata brasiliana di Telecom Italia, ha inoltre sottolineato come per l'azienda sia fondamentale risolvere in maniera "strutturale" il problema del debito e rimarcato come Tim Brasil sia il "fiore all'occhiello del gruppo", ricordando come questa apporti circa il 30% dell'Ebitda complessivo.

"Bisogna ammettere la lungimiranza di chi ha preceduto me all'interno del gruppo di non aver mai venduto", ha sottolineato il manager, confermando che domani in consiglio verrà discussa la societarizzazione di Tim Enterprise.

(Elvira Pollina, editing Sabina Suzzi)